domenica 30 aprile 2017

A SPINÒLA di Dino Ardoino


U sciù Lescian u aveva in mazaghin
de ferraja e simèn pe’ a furnitüra
ae grosse impréese. E essèndu per natüra
in omu fina tropu precisin

e marfidènte, sènsa ina següra
garansìa, nimenu a in cherübin,
scibèn ch’u sece in àngeru divin,
u gh’avereva dau fiansa spüra.

Cuscì cande me’ nonu u gh’ha sercàu
- dopu avé fàu de leva u marinà -
travaju, nun avèndughe purtàu

de referènse, u gh’ha dìitu de na.
Ma pöi daa porta a vedri u l’ha nutàu
che andèndu u se cegava a recampà

p’aa strada ina spinòla e alù de scatu
u l’ha ciamàu e u gh’a firmàu u cuntratu



Dino Ardoino – Dialetto di Sanremo


LO SPILLO

Il signor Alessandro aveva un magazzeno
di ferro e cemento per la fornitura
alle grosse imprese. Ed essendo per natura
un uomo fin troppo precisino

e diffidente, senza una sicura
garanzia nemmeno a un cherubino,
sebbene sia un angelo divino,
avrebbe dato piena fiducia.

Così quando mio nonno gli ha chiesto
- dopo aver fatto il marinaio di leva -
lavoro, non avendogli portato

referenze gli ha detto di no.
Ma poi dalla porta a vetri ha notato
che andando via si chinava a raccogliere

per la strada uno spillo e allora di scatto
l’ha chiamato e gli ha firmato il contratto.

sabato 29 aprile 2017

IN BÀIXU… di Mario Saredi


Ti  pôi mangià bèn
cantu ti vôi,
béve mègliu,
èsse bèn vestìu,
avé benbèn de sòudi;
ma se nu ti hai
chi te pôsce dà
aumàncu in bàixu,
che vita a l’è?



Mario Saredi – Dialetto di Camporosso


 UN BACIO…

Puoi mangiar bene
quanto vuoi,
bere ancora meglio,
essere ben vestito,
avere molti soldi;
ma se non hai
chi ti possa dare
almeno un bacio,
che vita è?

venerdì 28 aprile 2017

FIRPO E A POEXÌA di Edoardo Firpo


O Firpo o s’ëa innamoòu
da Musa dialettale:
a no l’ëa ‘na rebello
e o gh’à accattòu l’anello.
Son visciùi int’un castello
abbandonòu
in mëzo a-a natùa
ammiando fin ch’o dùa
quarche fiore int’un gòtto,
beati de sentî de stæ
e agre nòtte de cigäe
e i trilli delicæ
di grilli cantadoî
Là, soli lô doì.



Edoardo Firpo – Dialetto di Genova


FIRPO E LA POESIA

Firpo si innamorò
della Musa dialettale:
non era una dappoco
e le comprò l’anello.
Vissero in un castello
abbandonato
in mezzo alla natura
guardando quanto durava
qualche fiore in un bicchiere,
beati di sentire in estate
le aspre note delle cicale
e i trilli delicati
dei grilli canterini…
Là, soli, loro due.

giovedì 27 aprile 2017

GÉNIA E MARININ I SBATE I TAPÉI di Franco D’Imporzano


«Ti hai savüu cous’a inventa a scià Zabéta
sce u to contu?!» - a dumanda Marinin
aa so culéga du Murin,
marmenandu i tapéi sc’i-aa terrasséta-.

«Noma che a riferìru, za u venin
u me munta au servélu: a bazuréta
a sta spantenegandu p’aa Scarpéta
sèrte buixìe ch’i drissa u ciciurin!».

Sentendu lo, nu l’è ch’a care e nasse
a Génia, o ch’a s’aràge, ma a ghe fa:
«Marinin, nu l’è u càixu d’asciamasse

pe’ cuscì poucu. Fin ch’a va a cuntà
noma de musse, ebèn, lascia ch’a fasse,
u brütu u vèn s’a conta a verità!».



Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo


GENIA E MARININ BATTONO I TAPPETI

«Hai saputo cosa inventa la signora Elisabetta
sul tuo conto?!» - domanda Marinin
alla sua collega Genia del Mulino,
sbattendo i tappeti sul terrazzino -.

«Solo al riferirlo, giò il veleno
mi sale al cervello: la strega-pettegola
sta spargendo per la Scarpetta
certe bugie che raddrizzano  i capelli!»

Sentendo ciò, lei non si scompone
davanti a Genia, né si arrabbia, ma le dice:
«Marinin, non te la prendere

per così poco. Finché va raccontando
soltanto delle balle, ebbene, lascia che faccia,
il brutto viene se racconta la verità!».

mercoledì 26 aprile 2017

LAVASTRÙN D'AVRÌ di Elio Maccario


Stasèira, d'in ca,
dopu tanta sciütìna,
sentu a riana ruijà!

Amòrciu a televisiùn...

Me pa che arìve
in prufümu: de fén!

Respiru; e sentu che lasciü',
se fasce apése, de scöju,
i revive
e dopu tantu u se sciala u terén.

Sci. 

Vöju indröve i vèdri, sacranùn.
Lascièime fà!
E stanöte, tireròn föra ina crüvèrta de ciü'.



Elio Maccario - Dialetto di Soldano


ACQUAZZONE D'APRILE

Stasera, da dentro casa mia,
dopo così lunga siccità,
sento il ruscello gorgogliare...

Spengo la TV...

Mi pare che arrivi
un profumo: di fieno.

Respiro; e sento che lassù,
queste fasce ripide, marnose,
rivivono
E dopo tanto, si soddisfa il terreno.

Sì.
Voglio aprire le mie finestre; accidenti.
Lasciatemi fare!
e stanotte, prenderò dall'armadio una coperta in più.

martedì 25 aprile 2017

U PARTIGIÀN di Emilia Ramò


Ti andaixeivi pe' autüre e rivasci 
scùrsu cume ina lévre dau nemigu, 
tra castagnéi e pin, de cursa i pasci, 
cun u sparmu da libertà, amigu. 
T'han destanàu, incadenàu i brasci, 
guardàu ti éiri cume in gran perigu. 
Triste arregordu di vérdi agni mei. 
Sei s-ciopi i te gardàiva. Sei!


Sce a camiuneta ti éiri e ben gàrdau, 
cande mi a t'ho incuntràu e, desuverìu, 
cun a man ti m'hai apena salüàu 
e au giru daa strada alù ti sei sparìu. 
Forsci véixin o luntàn i t'han purtàu 
e per sempre da nui ti sei partìu. 
Cumpagnu de zuventü e giöghi mei. 
Forsci, sei s-ciopi i t'han puntàu. Sei! 


Chissà se a furestéira o nostra tèrra 
cuvértu a l'a u to' corpu crivelàu, 
o, forsci, sfinìu da sta vile ghèrra 
in t'in furnu cunsuntu ti hai brüxàu. 
U l'è méju pensate casüu a tèrra 
cun u cö ch’u te sciurìva, imbalinàu, 
e sténtu u criu de libertà, amigu mei,
da sei s-ciopi ch'i t'amassaiva. Sei!



EMILIA RAMO' (1915 – 2015) – Dialetto di Sanremo
Poesia premiata al IV Concorso di Poesia dialettale sanremasca, 1987

IL PARTIGIANO

Andavi per alture e ripe, 
rincorso come una lepre dal nemico, 
tra castagneti e pini, di corsa i passi, 
spasimando la libertà, amico. 
T'hanno stanato, incatenate le braccia, 
guardato eri come un gran pericolo. 
Accorato ricordo dei verdi anni miei. 
Sei fucili ti vigilavano. Sei!


Eri sulla camionetta e ben guardato, 
quando ti ho incontrato e, avvilito, 
mi hai fatto con la mano un cenno di saluto 
e al giro della strada allora sei sparito. 
Forse vicino o lontano ti han portato 
e per sempre da noi tu sei partito. 
Compagno di gioventù e dei giochi miei. 
Forse, sei fucili ti han puntato. Sei! 


Chissà se straniera o nostra terra 
coperto ha il tuo corpo crivellato, 
o, forse, sfinito da questa vile guerra, 
in un forno consunto ti han bruciato. 
E' meglio pensarti caduto a terra 
col cuore che ti sfioriva, impallinato, 
e spento il grido di libertà, amico mio,
da sei fucili che t'ammazzavano. Sei! 

lunedì 24 aprile 2017

U ÇERCELU di Roberto Rovelli


Cavàndu ina fàscia cu’u màgagliu,
Bacì u se  sente scciupàu d’â fatiga:
schina céga, struscià dau travàgliu,
franéla unta, inaixà de süù,
ögli stanchi, anegiài dau cařù.
Ansciàndu, u s’arremba a in maixé,
çercàndu in cantùn de sciumbria
pe’ assustàsse, in stissìn, dau sù
ch’u ghe brüxa a pele arsaglià.

Passa in figliö, scurrendu in çercelu:
cavégli süài, desberì dau véntu,
ögli asbigli, pigliài dau mumentu.
Strépàndu cu’in sghigiu a pàixe d’inturnu,
u rumpe, burdélusu, u silençiu d’u giurnu.
U çercelu u gira, u sàuta, u barlucia,
pussàu pe’ u senté int’ina cursa spedìa,
adesciàndu regòrdi adurmì int’a memòria.

Cu’in mézu faturisu ascàixi genàu,
Bacì u s’arregòrda d’in tempu luntàn,
d’in’autra vita, scurdà int’u passàu,
d’in autru figliö, scurrendu in çercelu.
Sciügànduse a fàcia int’in mandrìgliu de péssa,
u l’ascunde ina làgrima paresciüa d’aciatùn.
Cu’in sciau penùsu, u l’aissa u màgagliu,
sentendu u brüxù d’ê vescighe scciupàe
e d’i cali ch’i gh’inciaga e parme d’ê mae.
U stregne i denti… u l’è turna in figliö
cu’i cavégli süài, desberì dau véntu,
ch’u sghige burdélusu, scurrendu in çercelu …
int’in’ürtima cursa… ancù pe’ in mumentu…
 


Roberto Rovelli – Dialetto de La Mortola
I classificato al Concorso “Bellissimi Versi” 2012 dal tema “Travàiu e fatiga – trèsti, demu(r)e e zöghi” – Dolcedo


IL CERCHIO (giocattolo)

Dissodando col tridente un ripiano coltivato,
Bacì si sente spossato dalla fatica:
schiena curva, sfinita dal lavoro,
flanella unta, inzuppata di sudore,
occhi stanchi, avvizziti dal calore.
Ansimando, s’appoggia ad un muro a secco,
cercando un angolo d’ombra
per ripararsi, un pochino, dal sole
che gli brucia la pelle screpolata.

Passa un ragazzo, rincorrendo un cerchio:
capelli sudati, arruffati dal vento,
occhi vispi, accattivati dal momemto.
Strappando con uno strillo la pace attorno,
rompe, chiassoso, il silenzio del giorno.
Il cerchio gira, salta, barcolla,
spinto per il sentiero in una corsa veloce,
destando ricordi addormentati nella memoria.

Con un mezzo sorriso quasi trepidante,
Bacì si ricorda di un tempo lontano,
di un’altra vita, dimenticata nel passato,
di un altro ragazzo, rincorrendo un cerchio.
Asciugandosi il viso in un fazzoletto di pezza,
nasconde una lacrima apparsa furtivamente.
Con un sospiro penoso, solleva il tridente,
sentendo il bruciore delle vesciche scoppiate
e dei calli che gli piagano i palmi delle mani.
Stringe i denti… è di nuovo un ragazzo
con i capelli sudati, arruffati dal vento,
che  strilla chiassoso, rincorrendo un cerchio …
in un’ultima corsa… ancora per un momento…
  

domenica 23 aprile 2017

A FEIRA DU PAPÉ di Dino Ardoino


Cous’u vö dì a manìa de l’istrüssiun!
Mi, se int’in libru o drente d’in giurnale
a lezu in scriitu ch’u me fa impresciun
perché u me pà bèn fàitu e uriginale,

a m’u u metu a camin. Sta me pasciun,
che forsci a l’è in po’ föra du nurmale,
a l’ho da sempre e a me dà l’ucaixun
- cun in’infarinatüra generale –

de avé ina strana spécie de cultüra
in po’ in sce tütu (ma che cunfüxun!)
che a vote a me fa fà bèla figüra

metèndu in lüüxe sèrte cugnissiun,
ma che assai ciü de spessu a me prucüra
u modu de infirà càiche sgarrun.

E a va dighèndu intantu me’ mujé
che in cà nostra u gh’è a féira du papé.



Dino Ardoino – Dialetto di Sanremo


LA FIERA DELLA CARTA

Cosa vuol dire la mania dell’istruzione!
Io, se in un libro o dentro d’un giornale
leggo uno scritto che mi fa impressione
perché mi sembra ben fatto e originale,

me lo metto da parte. Questa passione,
che forse è un poco fuori del normale,
la ho da sempre e mi dà l’occasione
- con un’infarinatura generale –

di avere una strana specie di cultura
un po’ su tutto (ma che confusione!)
che a volte mi fa far bella figura

mettendo in luce certe cognizioni,
ma che assai più spesso mi procura
il modo di infilare qualche svarione.

E va dicendo intanto mia moglie
che in casa nostra c’è la fiera della carta.

sabato 22 aprile 2017

DÌTU di Mario Saredi


Hon apéna dìtu
de nu dì’ ciü rèn
ma sùn tùrna chì
cu’u làpisse in màn.
Dìgu d’ìna giurnà 
che angùscia a fa.
Nìvuru,
vèntu,
tachegià
e sciurtì,
ün maraghèstu
cùme mì,
l’è mègliu de nà.
Alù,
bàrrite in cà,
a stüa a tràmba,
tébeu gh’è già.
Avùra hon dìtu,
 a firmu
e me métu
tùrna a parlà.



Mario Saredi – Dialetto di Camporosso


DETTO

Ho appena detto
di non dire più nulla
ma sono di nuovo qui
con la penna in mano.
Dico di una giornata
angosciante.
E’nuvolo,
vento,
pioviggina
e uscire,
un villano
come me,
è meglio di no.
Allora,
chiuditi in casa,
la stufa è accesa,
c’è già tiepido.
Adesso ho detto,
la firmo
e mi metto
di nuovo a parlare.
  

venerdì 21 aprile 2017

CREUZA DE SEJA di Sandro Patrone


L’è ciù de ‘n’öa che se n’é andæto o sô
e a creuza a pâ ’na vëgia sensa trucco.

A lüxe di lampioìn
(limöxina de vitta a-o so silensio)
a cieuve lenta lenta
in scï costi de menta,
in scï téiti e i giardin.

Se scìn che tutto täxe,
no gh’è nisciun pe-a creuza
prima che torne o sô,
quella magnâ de paxe
a m’impe za d’amô.



Sandro Patrone – Dialetto di Genova


STRADINA DI SERA

Da più di un’ora il sole se ne è andato
e la stradina somiglia ad una vecchia senza belletto.

La luce dei lampioni
(elemosina di vita al suo silenzio)
piove lentamente
sui cespugli di menta,
sui tetti e sui giardini.

Finché tutto tace,
e non vi passa alcuno
prima che il sole ritorni,
quella manciata di pace
già mi colma d’amore.

giovedì 20 aprile 2017

SUNÉTU DE PRÖVA di Franco D’Imporzano


Sti agni u éira de moda u Futurismu,
ancöi tüti in sc’i-aa buca i l’han ascì
Astratismu, Ermetismu, Neurealismu
e autri ismi ch’a nu ve so dì;

pöi u gh’è a parola Sperimentalismu
üsà int’e l’arte e int’a puesia. Sta lì,
forsci maròutu a sun de belinismu
ma, au cunfessu, a me piàixe fina a mi.

E u l’è propiu pé fa in esperimentu
che, cum’avesse avüu in’urdinassiun,
catòrze versci a fràbicu au mumentu,

catru struféte au flash d’in’emussiun
triste o alegra o cunfüüsa, in sentimentu
che u cö u l’ha sügerìu bèn d’aciatun.



Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo


SONETTO DI PROVA

Tempo addietro era di moda il Futurismo,
oggi sono sulla bocca di tutti parole come
Astrattismo, Ermetismo, Neorealismo
e altri ismi che non vi so dire;

poi c’è la parola Sperimentalismo
usata sia nell’arte, sia nella poesia. Quella lì,
forse a costo di sembrare sciocco,
confesso, piace anche a me.

Ed è proprio per fare un esperimento
che, come se avessi ricevuto un ordine,
confeziono quattordici versi al momento,

quattro strofette al flash di un’emozione
triste o allegra o confusa, un sentimento
che covavo di nascosto nel cuore.

mercoledì 19 aprile 2017

A MATTEO di Mauro Maccario


Oh mei nevu, prima ancù che ti nascésci
che remés-ciu, che gh'è stàu!
I töi tüta a cà i han agaribàu
e i han fina nestezàu, perché ti te ninésci,
u leitin de tò pàire, e de ta maire a cüna.
Cante couse i han apruntàu
e cun canta sciala i t'han aspeitàu.
fina a che giresse a lüna.

Che bèlu nome i han vusciüu:
Matteo. Stà nöte candu ti sei nasciüu
on int'a mente che lasciü in tanti,
inseme ai angeri, i age alestiu
in festin cun ribotta e canti.
De sèrtu pe' nui i han vestiu
ina durse giurnà de sù
tüuti inseme cun tantu amù.

Parenti e amighi i te garda da veixin
escì se ti sei ancù pecin
e assumejanse i serca d'atrövà:
"In ti öij u l'è tütu sò paire!
Sci, ma a buca a l'è de sa maire".
I te diran che int'u cü o int'a schina
ti assumej au pairin o a mairina.
Fà u fintu risu e lasciari sercà.

Següru che ti hai piau in po' da tüti
ma dai ciü bèli, nu dai brüti!
A nu se pö dì cume da grande ti vegnirai
ma pe' a cousa che bon fa bon:
gajardu, desgagiàu, bravu ti serai
Alantù nu sta a dà mentu ai bonalana e ai pocu de bon!
Da parte mia a vurereva che ti piésci in po' de puesia,
l'amù pe' a vita e perché nù, èscì in po' de magia*.



Mauro Maccario – Dialetto di Sanremo
Burdighea, 16 Setémbre 2014.
Tò nonu.


A MATTEO

Bordighera, Martedì 16 Settembre 2014.
Tuo nonno.

Oh mio nipote, prima ancora che tu nascessi
che trambusto che c'è stato!
I tuoi tutta la casa hanno riordinato
e hanno persino rimesso a nuovo, affinché tu ti cullassi,
il lettino di tuo padre e la culla di tua madre.
Quante cose hanno preparato
e con quanta gioia ti hanno aspettato
sino al compimento dei mesi

Che bel nome ti hanno cercato:
Matteo. Questa notte quando sei nato
penso che lassù in tanti,
insieme agli angeli, abbiamo allestito
una festa con mangiata e canti.
Di sicuro per noi hanno vestito
una dolce giornata piena di sole
tutti insieme con tanto amore

Parenti ed amici ti guardano da vicino
ed anche se sei ancora piccolo
cercano di trovare delle assomiglianze:
"Negli occhi è tutto suo padre!
Sì, ma la bocca è di sua madre".
Ti diranno che da una parte o dall'altra
assomigli al padrino o alla madrina.
Fa un sorriso e lasciali cercare.

Sicuro che hai preso un po' da tutti
ma dai più belli, non dai brutti!
Non si può prevedere come sarai da grande
ma dato che dal buono viene il buono:
robusto, capace, bravo sarai.
Allora non ascoltare i disonesti e i poco di buono
Da me vorrei che prendessi un po' di poesia,
l'amore per la vita e perché no, anche un po' di magia*.



*L'autore è mago di professione.

martedì 18 aprile 2017

GIÀ U MUFÌU di Gin De Mori


Int’a Geixa diita du Cunventu
u gh’eira in òrganu assai veju
che sciben u sunasse a stentu
u nu l’eira da bütà int’in cureju.

Pé fà l’aria da sciuscià int’e cane
u gh’eira ina maneja da fà girà
cun calma, sensa fà matane
e tantu ch’u bastasse pé sunà.

E ben, a fà girà stu bèlu arneise
u gh'eira in umetu in po’ marfau,
ina facia, cume dì, da vin russeise
e tantu pécin da paré sempre assetau!

Ma cande u girava chélu angheisu
u paixeva in grande pérsunagiu
e u sentiva, anun, tütu u peisu
de l’omu seriu e de curagiu!

Perché, u dixeva, u maistru u nu po’ sunà
se sta maneja a nu fassu girà!



Gin De Mori – Dialetto di Sanremo


GIACOMO L’AMMUFFITO

Nella Chiesa detta del Convento
c’era un organo assai vecchio
che sebbene suonasse a stento
non era da buttare in un fossato.

Per produrre l’aria da soffiare nelle canne
c’era una maniglia da far girare
con calma, senza stranezze
il tanto che bastasse per suonare.

Ebbene, a far girare questo bell’arnese
c’era un ometto un po’ particolare,
un viso, come dire, da vino rossese
e tanto basso da sembrare sempre seduto!

Ma quando girava quella manovella
sembrava un grande personaggio
e sentiva, accidenti, tutto il peso
dell’uomo serio e coraggioso!

Perché, diceva, il maestro non può suonare
se questa maniglia io non faccio girare!