sabato 25 novembre 2017

PÀUTA E PÜRA di Mario Saredi


Nu se vé rèn,
me cüna e tàche,
demàn serà pàuta
e i mèi gambàli
sgarbài dài ruvèi
i faràn
cìu, cià
ai mèi pèi,
sènsa càusse.
Cànde u vèntu
u serà grìxu
de lòche ìssa a müra,
e mèi càusse saszìe
stèse insci’u firàgnu,
arecàmperòn
e chélu  gambàlu
che m’è arestàu,
u meteròn
a desgagliàsse àu su,
ciaviràu.



Mario Saredi – Dialetto di Camporosso


FANGO E POLVERE          

Non si vede nulla,
mi cullano le gocce,
domani sarà fango
e i miei stivali
bucati dai rovi,
faranno
parlare
i miei piedi
senza calze.
Quando il vento
sarà grigio
da ciò che alzano  gli zoccoli  del mulo,
le mie calze rammendate,
stese sul filare,
ritirerò
e quello  stivale
che mi è rimasto,
lo metterò
a sciogliersi al sole,
capovolto.

venerdì 24 novembre 2017

U DÜRA NUMÀ IN MUMENTU di Maria Muratore


U dà piaixé e feliçità
a chi lu riçeve
e a chi lu fa.
Nisciün l’è tantu ricu
da fane a menu,
ni cuscì poveru
da nu purréru dà.
U l’é in bén che
u nu se pö
ne catà, ne prestà,
“d’u faturisu”
stamu a parlà.
Longu u l’é u regordu
inscì se u düra
numà in mumentu.
E se scuntré chi
nu v’û fa, fegheru vui,
u l’é propriu elu
che besögnu u n’à.



Maria Muratore – Dialetto di Ventimiglia


DURA SOLO UN MOMENTO

Dà piacere e felicità
a chi lo riceve
e a chi lo fa.
Nessuno è così ricco
da farne a meno,
né così povero
da non  poterne dare.
E’ un bene che
non si può
né comprare, né imprestare,
“del sorriso”
stiamo parlando.
E’ lungo il ricordo
anche se dura
solo un momento.
E se incontrate chi
non ve lo fa, fateglielo voi,
è proprio lui
che ne ha bisogno.

giovedì 23 novembre 2017

L’ÜRTIMU SANREMASCU (II) di Franco D’Imporzano


Questo componimento consta di 7 sonetti: verranno pubblicati uno alla volta nei prossimi giovedi.


II

Mi ün a l’ho s-ciuìu! U l’è in murciun
de véju sépu daa scorsa arrapà,
u fa vita in campagna, nu in sità,
e int’in mandìu de terra u l’ha u casun.

I cavéi gianchi i impune nubiltà
au so murru brüüxau dau su in leun:
u l’è omu bèn s-cétu int’u parlà,
sarvàigu, mai cuntentu e mugugnun.

U va a vutà, ma, dopu avé lansau
a so scheda int’e l’ürna cun cunsciensa,
cuntentu cum’in anze bastunau

u va in sa e in là a sparze mardighènsa
propiu sce tüti chéli ch’u ha vutau,
pentìu de avéghe daitu a preferensa.

(continua)


Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo


L’ULTIMO SANREMASCO (II)

Io ne ho scoperto uno! E’ un musone
di stampo antico con la scorza (pardon: pelle) rugosa,
vive in campagna, non in città,
e in un fazzoletto di terra ha il suo casolare.

I capelli bianchi impongono nobiltà
al suo viso bruciato dal sol leone:
è un uomo molto schietto nel parlare,
selvatico, mai contento e che brontala di continuo.

Va a votare, ma, dopo aver lanciato
la sua scheda nell’urna con coscienza,
contento come un asino bastonato

va in giro in ogni dove a spargere maldicenza
proprio su coloro a cui ha dato il voto,
pentito di aver loro dato la preferenza.

mercoledì 22 novembre 2017

OMMO DE QUESTO MONDO di Sandro Patrone



Ommo de questo mondo, in sciö sentê
do bosco feua de man,
« …giorno!» t’hæ dîto, e « …giorno!» ho rebattuo,
tanto che ti lasciavi ödô de funzi.

Poi t’ho incontròu in çittæ:
no se semmo ammiæ.



Sandro Patrone – Dialetto di Genova


UOMO DI QUESTO MONDO

Uomo di questo mondo, sul sentiero
del bosco fuori mano,
mi hai detto buongiorno e t’ho risposto buongiorno,
mentre nella tua scia restava odore di funghi.

Ti ho poi incontrato in città:
non ci siamo neppure guardati.

martedì 21 novembre 2017

NUVÉMBRE di Pierina Giauna

                                                   
Föglie gagliurae,                                        
stirassae dau véntu,                                           
i vöra luntan                                             
intu célu stérburu.                     
                                               
Balandu, balandu,                                              
i se mésccia cun l'audù                                            
d'ê castagne rustie                                            
ch'i scauda e mae.                    
                                               
In pénscéru, ina sciúra.                                           
Ina préghéira ai nostri Cari.                
                       
                                               
                       
Pierina Giauna - Dialetto di Ventimiglia                 


NOVEMBRE
                                       
Foglie variegate,                        
trascinate dal vento,                          
volano lontano                  
nel cielo torbido.        
                               
Ballando, ballando,                            
si mescolano col profumo                           
delle castagne arrostite                              
che scaldano le mani.         
                               
Un pensiero, un fiore.                         
Una preghiera ai nostri Cari.

lunedì 20 novembre 2017

A PENSCION di Giovanni Ghione


Ti hæ travaggiou pe vive
pe fâte un pö de festa
pe godîte in paxe
o tempo ch'o te resta.

Ti hæ dovuo adattâte
a tutte e occaxioin,
collâ di baggi amäi, subî umiliassioin
e òua ti veu pösâte.

I giorni tïan di schersi
o mondo o l'é 'na confuxion
se fa sempre a cöa pe piggiâ a penscion
incontrandose co-i ätri.

Ti domandi òua
un pö de tranquillitæ
pe sciortî a fâ un giö inte sta çittae,
ma tutto o pâ 'na föa.

Quande ti t'accòrzi
d'ëssighe pe de ciù
ti senti o tò cheu ch'o dixe:
«de fâ tutti 'sti sforsci a l'é vasciùa a penn-a?».



Giovanni Ghione – Dialetto di Varazze


LA PENSIONE

Hai lavorato per vivere,
per farti un po' di festa
per goderti in pace
in tempo che ti rimane.

Hai dovuto adattarti
a tutte le occasioni,
ricevere modificazioni, subire umiliazioni
e ora vuoi riposarti.

I giorni sono a volte insidiosi
il mondo è una confusione
si fa sempre la fila per prendere la pensione
incontrandosi con le altre persone.

Ora chiedi
un po' di tranquillità
per camminare in questa città,
ma tutto sembra una favola.

Quando ti accorgi
di essere di troppo
ascolti il tuo cuore che dice:
«di fare tutti questi sacrifici ne è valsa la pena?».

domenica 19 novembre 2017

U GALANTOMU, ANCÖI di Dino Ardoino


A dà du galantomu a ina persuna
ancöi u l’è cume dighe scemalan,
percòuse au giurnu atuale – tüti i u san -
mai a gènte a l’è sta cuscì gavuna

de sòudi e de richesse. E se in cristian
u nu fa parte de chel’imbrujuna
raza lèsta de man, i l’acujuna
e mancu ciü de créditu i ghe fan.

Galantomu ina vota u l’éira chelu
ch’u daixeva a parola sua d’unù
e pöi nimenu s’u carasse u celu,

u faliva l’impegnu. Invece avù
ai salòpi i ghe leva de capélu
e a brava gènte – ràira, ma a gh’è ancù –

a vèn ascaixi messa in caranténa
cume se de vairöre a fusse céna.



Dino Ardoino – Dialetto di Sanremo


IL GALANTUOMO, OGGI

A dar del galantuomo a una persona
oggi è come dirgli citrullo,
perché al giorno attuale – tutti lo sanno -
mai la gente è stata così ingorda

di soldi e di ricchezze. E se un cristiano
non fa parte di quell’imbrogliona
razza lesta di mano, lo deridono
e neanche più di credito gli fanno.

Galantuomo una volta era quello
che dava la parola sua d’onore
e poi nemmeno se scendesse il cielo,

falliva l’impegno. Invece ora
ai bricconi gli fanno di cappello
e la brava gente – rara, ma c’è ancora –

viene quasi messa in quarantena
come se di vaiolo fosse piena.