lunedì 27 marzo 2017

ME LASCIO BÄSIGÂ DI Fiorenzo Toso


Me lascio bäsigâ
da-a saxon neuva
che cian cianin a vëgne
à mette insemme
regòrdi e dexidëi.

Sciou de tramontaña:
a lascia nette
e mæ giornæ che scuggian
da-o vëi fin a-o doman

e no fan sciato.

Me core in çimma
comme unn'ægua cada
de sô, sensa promisse
e marsimenti

e me n'imbevio.

Sciòrbo un pittin de paxe
pe mi ascì.



Fiorenzo Toso – Dialetto di Arenzano
13.III.17


MI LASCIO CULLARE

Mi lascio cullare
dalla nuova stagione
che viene lentamente
a raccogliere // ricordi e desideri.

Alito di tramontana:
ripulisce
i miei giorni che scivolano
dall'ieri al domani

e non fanno rumore.

Mi scorre addosso
come un'acqua calda
di sole, senza promesse
e struggimenti

e me ne imbevo.

Assorbo un po' di pace

anche per me.

domenica 26 marzo 2017

L’ÀIGA DE STI AGNI di Dino Ardoino


Avé l’aiga in cà u l’è nurmale
avù, ma a s’acurzemu cant’a và
sulu cand’a nu vèn e a fa fermà
a vita da famija. Natürale

u càpita alantù d’arregurdà
i veji tempi, cande u l’éira üsuale
andà aa funtana e camalà in sce-e spale
stu lìchidu che in cà u nu po mancà.

A grossa conca messa in sce-u laghélu,
encìa delongu a forsa de bidui
o dunca üsandu ascì in caratélu

- travaju ch’u tucava propiu a nui
fiöi – a nu m’a a scordu! E u l’è per chélu
che a nuiautri, ch’a l’éirimu garsui

a cheli tempi, ancöi u ne pà ancù
che l’aiga da fatiga a l’ha u savù.



Dino Ardoino – Dialetto di Sanremo


L’ACQUA D’UNA VOLTA

Avere l’acqua in casa è normale
adesso, ma ci accorgiamo quanto vale
solo quando non viene e fa fermare
la vita della famiglia. Naturale

capita allora di ricordare
i vecchi tempi, quando era usuale
andare alla fontana e portare sulle spalle
questo liquido che in casa non può mancare.

La grossa conca collocata sul lavello,
riempita sempre a forza di secchi
oppure usando anche una botticella

- lavoro che toccava proprio a noi
bambini – non me la scordo! Ed è per quello
che a noi, che eravamo ragazzi

a quei tempi, oggi ci sembra ancora
che l’acqua abbia il sapore della fatica.

sabato 25 marzo 2017

CIÀCIARE di Mario Saredi


Se sènte in gràn parlà,
ciacün dìxe de élu,
di àutri
e tüti i l’han reixùn.
S’u vuxà
nu acapìsciu gàire,
u làsciu andà
lògni da mì,
prìma o pöi
u s’afermerà.
Avù,
chi a l’è grève
ciü che mài
e a cuvéa
a l’è de tàixe.
Mì,
nu pösciu dì
ciü de cuscì.



Mario Saredi – Dialetto di Camporosso


CHIACCHIERE

Si sente un gran vociare,
ognuno dice di lui,
degli  altri
e tutti hanno ragione.
Tutte queste chiacchiere
non capisco del tutto,
le lascio andare
lontano da me,
prima o poi
si  fermeranno.
Ora,
qui è difficile
più che mai
e il desiderio
è di tacere.
Io,
non posso dire
più di questo.

venerdì 24 marzo 2017

ASSÆ DE POULE PE STA SEIA di Fiorenzo Toso


Assæ de poule pe sta seia.

Gh'é feugo into scilençio, ch'o rescada
e o mette coæ de stâ a-o göghin
gödindo
l'ægua chi core in sciô barcon de feua.

No serve e poule, se sta donde
se voeiva stâ
ni s'à beseugno d'atro,
e i pensamenti no fan danno drento.

Coran comm'ægua
a-o de là do veddro
donde gh'é scuo, gh'é freido
e tanto veuo.



Fiorenzo Toso – Dialetto di Arenzano


BASTA PAROLE QUESTA SERA

Basta parole questa sera.

C'è fuoco nel silenzio, che scalda
e dà voglia di stare come in un nido
a godere
la pioggia che scorre, fuori, lungo la finestra.

Non servono le parole, si sta dove
si voleva stare,
non c'è bisogno d'altro
e i brutti pensieri non trapelano dentro.

Scorrono come la pioggia
al di là del vetro
dove c'è scuro, c’è freddo
e tanto vuoto.

giovedì 23 marzo 2017

U BON PARTÌU di Franco D’Imporzano


«Madama aa canaréza a l’ha in magun
drüu a culasse: a fia ancù fantina
ch’a nu arésce a imbrancà p’aa cruatina
in fidansau ch’u àje a pusissiun.

A pà ina fòura! Apèna u s’aveixina
aa zùina càiche növu belinun,
sa maire a va int’a géixa e in prescisciun…
ma pé avù, te salüu grassia divina!

Séira a spassavu, a sentu in rangugnà,
a l’éira a véja che, parlendu aa fia,
cun vùuxe desgüstà e desuverìa,

a dumandava: “S’a nu ghe l’ha fa
a date in bon partiu, ti vöi spiegà
a cous’a serve sta Demucrassia?”»



Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo


IL BUON PARTITO

«La signora ha un groppo in gola
impossibile da deglutire: la figlia ancora zitella
che non riesce a prendere per la collottola
un fidanzato che abbia una posizione.

Sembra una barzelletta! Appena si avvicina
alla ragazza un nuovo belinone (tipo ingenuo),
la madre va in chiesa e in processione…
ma per il momento, addio grazia divina!

Ieri stavo spazzando, sento un mugugnare,
ed era la signora che, parlando con la figlia,
con voce disgustata e sconfortata,

le chiedeva: “Se non è riuscita
a darti un buon partito, mi vuoi spiegare
a che cosa serve la tanto decantata Democrazia?”»

mercoledì 22 marzo 2017

VEGLIE di Dionisio Bono



Veglie a tastun fra e sciumbrie di soni
tradie da in piunà d’Avemaria
a turnu, cunsulante cumpagnia,
ti avrai sciügau e lagrime ai mei noni.
Pöi, turnava a arbegià u rie cu’ a matin prestu,
ina manà de strunchi açende u fögu,
m’adesciava l’audù du café frescu,
du laite caudu in su u camin da fögu.



Dionisio Bono – Dialetto di Ventimiglia


VEGLIE

Veglie a tentoni fra incubi di sogni
tradite da un pigolare d’Avemaria
a turno, consolante compagnia,
avrai asciugato lacrime ai miei nonni.
Poi, ritornava col mattino presto, alla luce dell’alba, un sorriso,
un pugno di rametti accende il fuoco,
mi svegliava l’odore del caffè fresco,
del latte caldo sul fuoco del camino.

martedì 21 marzo 2017

A PRIMAVEIA DE BARCHE di Rosita Del Buono Boero


Comme ‘na comba gianca, averte e ae,
l’è chinou a primaveia da l’Ermetta:
in ti caroggi di paixi riviaschi
l’è arrivon ‘n oudo d’erba e de viovetta.
L’aenn-a a l’è bionda, ceppa e, in to sbattizzo,
destende o mâ ‘na frangia de pizzetti;
tütto l'inverno, fra unna casa e l’âtra
e barche han riposou, tegnüe a o redosso,
ma quella comba gianca e quell’oudo
han dito ai ommi de portale fêua.
Anchêu dipinzan ‘na riga celeste
co do mâ, de giunchiglia e çe seren,
i pescuei in xë barche resveggiae.

E barche di pescuei han nommi doxi
de Madonne, de Santi e zovenette:
Maria bambinn-a, Tea, Nostra Scignua
do Soccorso, Francesca, Marinetta…
Poi se ne van pe o ma (a stae a l’è a-e porte)
a cubbie, o sole, finn-a a l’orizonte:
me piaxe amiale anchêu, perché son pronte
a reçeive a ciu belle de stagioin.
Comme ‘na comba gianca, averte e ae,
l’è chinou a primaveia da l’Ermetta…



Rosita Del Buono Boero – Dialetto di Savona


LA PRIMAVERA DELLE BARCHE

Come una colomba bianca, aperte le ali,
è scesa la primavera dall’Ermetta:
nei vicoli dei paesi rivieraschi
è giunto un odore di erba e di violette.
La sabbia è bionda, tiepida, e, nel bagnasciuga
Distende il mare una frangia di pizzo;
tutto l’inverno fra una casa e l’altra
le barche hanno riposato, tenute a ridosso,
ma quella bianca colomba e quell’odore
hanno detto agli uomini di portarle fuori.
Oggi dipingono una riga celeste
del color del mare, di giunchiglia e di cielo sereno,
i pescatori sulle barche risvegliate.

Le barche dei pescatori hanno nomi dolci
di Madonne, di Santi e giovinette;
Maria Bambina, Tea, Nostra Signora
del Soccorso, Francesca, Marinetta…
Poi se ne vanno per il mare (l’estate è alle porte)
a coppie, o sole, fino all’orizzonte:
mi piace guardare oggi che son pronte
a ricevere la più bella delle stagioni.
Come una colomba bianca, aperte le ali,
è scesa la primavera dall’Ermetta.