giovedì 19 luglio 2018

AGGIUTTO PE-O DOMAN di Luigi Cornetto


Mentre l’onda a franze
‘n sciä scheuggëa
e mille perle schittan
in sa e in là
e a gente a rïe
recillandôse a-o sô,
ti passi co-i teu sacchi
pin de ‘n pö de tutto
exibendo a teu röba
sperando d’arrecheugge
quanto te permettiâ
d’ësighe anche doman.



Luigi Cornetto – Dialetto di Genova


AIUTO PER IL DOMANI

Mentre l’onda frange
sulla scogliera
e mille perle schizzano
in qua e in là
e la gente ride
gongolandosi al sole,
tu passi coi tuoi sacchi
pieni di un po’ di tutto
esibendo la tua roba
sperando di raccogliere
quanto ti permetterà
d’esserci anche domani.

mercoledì 18 luglio 2018

MÉ MUJÉ di Ernesto A. Sacco


A gardu me mujé…
I soi öij i sun in sce mì,
ma, a nu so u perché,
u me vèn carcòusa chì.

Tanti agni i se sun sgranai,
da candu ancù zueneti,
a se semu mariai
sensa pensà ai… difeti.

Pöi, a l’amu continuau
delongu in sce stu camin,
tante e tante a n’amu passau
inseme, ma delongu da veixin.

Se a m’alauntanu o a vagu ciü in là,
a fa de tütu pé vieme,
e a me dixe, cun u so bon fa:
“Ti sai… a stamu ben inseme”.



Ernesto A. Sacco – Dialetto di Sanremo
I classificata al Concorso di Poesia Dialettale Sanremasca per la migliore selezione di un autore nel 1985


MIA MOGLIE

Guardo mia moglie…
I suoi occhi sono su di me,
ma, non so il perché,
mi viene qualcosa qui.

Tanti anni si sono susseguiti,
da quando ancora giovincelli,
ci siamo maritati
senza pensare ai… difetti.

Poi, abbiamo continuato,
sempre su quel cammino,
tante e tante ne abbiamo passate
insieme, ma sempre vicini.

Se mi allontano o vado più in là,
lei fa di tutto per vedermi,
e mi dice col suo buon fare:
“Sai… noi stiamo bene insieme”.

martedì 17 luglio 2018

DRITTO E REVERSO di Danila Olivieri


                                    
Poei desgarbuggiâ a matassa
intortignâ da vitta
e tornâ a inghêugge o fî de lann-a
in gïo a-o nïo segûo
da stansa de l’infançia,
quande l’existensa a gh’aveiva o gusto
do canastrello da festa,
intreççòu comme e föe, e stöie
o e dïe inte seie de burrasca.
E poi risentî a cantigöa  lenta
de döçi voxi
da nonna e da mamma.

Dritto e reverso
‘na maggia calâ à dritta
…mi creddo che a vitta          
a gh’agge sempre ‘n senso…
Dritto e reverso
doe magge piggiæ insemme
…e che e ferïe l’aggiùttan à cresce…
Dritto e reverso
…tègnilo sempre à mente
inti momenti de magon…

A l’ea quëte a neive
che a vegniva zù da-o çê
co-i fiori do çexo e do mei
e a dilagàva inta stansa
scadâ da ‘n camin
che inte l’äia o spandeiva zimme
de teniessa e de sapiensa.



Danila Olivieri – Dialetto di Genova


DIRITTO E ROVESCIO

Poter disciogliere la matassa
attorta della vita
e poi riavvolgere il filo di lana
intorno al nido sicuro
della stanza dell’infanzia,
quando l’esistenza aveva il sapore
della ciambella della festa,
intrecciata come le fiabe, le storie
o le dita nelle sere di tempesta.
E poi risentire la cantilena lenta
delle dolci voci
della nonna e della mamma.

Diritto e rovescio
una maglia calata a destra
…io credo che la vita
abbia sempre un senso…
Diritto e rovescio
due maglie prese insieme
…e che le ferite aiutino a crescere…
Diritto e rovescio
…ricordalo sempre
nei momenti di sconforto…

Era quiete la neve
che scendeva dal cielo
con i fiori del ciliegio e del melo
e dilagava nella stanza
scaldata da un camino
che nell’aria effondeva faville
di tenerezza e di saggezza.

lunedì 16 luglio 2018

ENTE A RUVAIRA D’USTAU di Marco Cassini



E çigare e cantan.
U sur u pica.
E parpagliœre e vœran.
Ȕna nivura gianca.
Ȕn fie d’aria.
È, acuregai ensce ün ciapassu,
nui dui nüi
a ciarabelar deu teatru:
«ga là che bel pistun!».



Marco Cassini - Dialetto di Apricale
Da "U Giacuré 2018"

LUNGO IL TORRENTE D’ESTATE

Le cicale cantano.
Il sole batte.
Le farfalle svolazzano.
Una nuvola bianca.
Una leggerissima brezza.
E, sdraiati su un’ampia pietra piatta,
noi due nudi
a chiacchierare del teatro:
«guarda là che bella libellula!».

domenica 15 luglio 2018

ADELE (SCIABRÀE DE SÙ) di Dino Ardoino


A me’ mujé, in ucaixun de nosse d’oùru

I giurni urmai luntài da verda età
cuu tempu i se fan sempre ciü cunfüüxi.
Ma ancù daa zuventü di mei vint’agni
i lampéza di scuàrsi de memoria,
sciabràe de sù int’in boscu de arregordi.
E a te rivégu, Adele, biunda e ténera,
sciurtì föra daa ciara aiga marina,
rédenu u sén suta u custüme negru,
öji de nissöra fundi cume abisci
unde u m’è stàitu durse sprufundà.



Dino Ardoino – Dialetto di Sanremo


ADELE (SCIABOLATE DI SOLE)

A mia moglie in occasione delle nozze d’oro

I giorni ormai lontani della verde età
col tempo si fanno sempre più confusi.
Ma ancora della gioventù dei miei vent’anni
lampeggiano squarci di memoria,
sciabolate di sole in un bosco di ricordi.
E ti rivedo, Adele, bionda e tenera,
emergere dalla chiara acqua del mare,
turgido il seno sotto il costume nero,
occhi scuri di nocciola profondi come abissi
dove m’è stato dolce sprofondare.

sabato 14 luglio 2018

DESBARÀTTU di Mario Saredi

Ventimiglia - U desbaratu
                                                          
Ciàcche còusa
t’atrövi,
ascàixi de bàda,
ti a pöi
aiscì baratà
cùn d’u tòu
che  ti vöi lansà.
Savàte,
gratairìne,
furçìne,
cüglià,
càusse da lavà,
mandrìgliu da grùppu,
téghe vöie,
desgranàe,
manàe,
mascàe
in cantità.
Turnà a cà
sènsa bràghe,
nùma pèle
patanüa
ch’a te fa
assènde a stüa
pe’ ascaudàte
e çenà.



Mario Saredi – Dialetto di Camporosso 


SVENDITA
                    
Ogni  cosa
trovi,
quasi  gratis,
la puoi
anche scambiare
con del tuo
che vuoi buttare.
Ciabatte,
grattugie,
forchette,
cucchiaio,
calze da lavare,
fazzolettoni,
bucce vuote,
sgranate,
manciate,
ceffoni
in quantità.
Tornare a casa
senza pantaloni,
solo pelle
nuda
che ti fa
accendere la stufa
per scaldarti
e cenare.

venerdì 13 luglio 2018

ANDA’ DESCAUSSA di Costanza Modena


A pensu a cheli giurni da bèla züventü.
E scöre finìe i meteva alegria,
u paixeva che sta vita a nu sereva mai finìa.
U primu cudu u se faixeva sentì…
e scarpe lansàe int’in cantu
o suta ina carega:
che se ne arregurdava ciü?
U gh’éira mile couse da vié, mila da fa,
libera de scuratà, descaussa cume in marinà.
A sautavu pe’ i praireti cume in fringhelu,
a cöje e margarite pe’ fàmene culane e pendalote,
cume a regina d’estai.
Pèrseghi, cereixe e miscimì
i nu faixeva a tempu a maürà,
mancu in sce-e sime, duve a puixevu arivà
arrampinandume cume in schirö,
sensa pùira de sgurà.
Me maire a me ciamava:
“U ghe da andà aa bitega a fa sta cumesciun…”
E avura? “Oh ma! E me scarpe duve i sun?”
E chela santa dona, sempre inveixendà
int’i travji de cà, cun in faturisu marissiuusu:
“A l’ho viste in buca au can
ch’u andaixeva de cùita criandu: “Disurdine!”
U gh’è vusciüu i mei agni pe’ capì a so lessiun.
Avura sun maistra de bona edücassiun.



Costanza Modena – Dialetto di Sanremo


ANDARE SCALZA

Penso a quei giorni della bella gioventù.
Le scuole finite mettevano allegria,
sembrava che questa vita non sarebbe mai finita.
Il primo caldo si faceva sentire…
le scarpe buttate in un angolo
o sotto una sedia:
chi se ne ricordava più?
C’erano mille cose da vedere, mille da fare,
libera di scorrazzare, scalza come un marinaio.
Saltavo per i praticelli come un fringuello,
a raccogliere margherite, per farmene collane e orecchini,
come la regina d’estate.
Pesche, ciliegie, albicocche
non facevano in tempo a maturare,
neanche sulle cime, dove potevo arrivare
arrampicandomi come uno scoiattolo,
senza paura di scivolare.
Mia madre mi chiamava:
“C’è da andare alla bottega a fare sta commissione…”
E adesso? “Oh mamma! Le mie scarpe dove sono?”
E quella santa donna, sempre affaccendata
Nei lav ori di casa, con un sorriso malizioso:
“Le ho viste in bocca al cane
che andava di fretta gridando: “Disordine!”
Mi ci sono voluti degli anni per capire la sua lezione.
Adesso sono maestra di buona educazione.