sabato 15 dicembre 2018

A BABARÒTTA “IN” di Mario Saredi


T’hon ditu
de dàme ina màn
pe’ tiràme föra
de chì.
A babaròtta
ha m’ha ingögliàu
int’a sùa bàva
e nu arèsciu ciü
a desgögliàme,
sùn preixiunè,
stégnu
e ela a pùgne.
Dapöi,
a l’incumenserà 
a süssà
e de mì,
rèn g’aresterà.



Mario Saredi – Dialetto di Camporosso


IL RAGNO “IN”

Ti ho chiesto
di aiutarmi
per tirarmi fuori
di qui.
Il ragno
mi ha avvolto
nella sua rete di bava
e non riesco più
a sbrogliarmi,
sono prigioniero,
soffoco
e lei punge.
Dopo,
incomincerà
a succhiare
e di me,
nulla resterà.

venerdì 14 dicembre 2018

RUSCIN di Rosangela Paoletti


Chissà cose u te pasâva
in tu cö
quella maten de nuvembre
de sènt’anni fa
che u bastimentu
cianén u se destacâva
dau portu de Zena
e u guagnâva u mâ!

A me Pâre Grande
i g’han ditu
che i töi öggi i l’êra
invèdrei de ciantu,
forsci ti l’averêressci vusciüu
- ma pe’ in mumentu –
Turnâtene indarè,
magâri a nüu…

S’ha miȓu
stu retrèitu
che de ti u n’è arestau
a te figüȓu cuscì,
cui cavéi russi au ventu,
ennéximu Ulisse de Ligüria
pertiu pe’ l’udissea
de Améȓiche!



Rosangela Paoletti – Dialetto di Imperia Porto Maurizio


RUSCIN

Chissà cosa ti passava
nel cuore
quella mattina di novembre
di cent’anni fa
mentre la nave
lentamente  si staccava
dal porto di Genova
e prendeva il largo!

A mio nonno
hanno detto
che i tuoi occhi erano
velati di pianto
forse avresti desiderato
- ma per un momento –
tornartene indietro
magari a nuoto…

Se guardo
il ritratto
che di te ci è rimasto
ti immagino così
con i capelli rossi al vento,
ennesimo Ulisse di Liguria
partito per l’odissea
delle Americhe!

giovedì 13 dicembre 2018

IN TO SCÙO di Luigi Cornetto

Noli e Spotorno - Foto di Alessio Rebagliati

Assetòu
sotta ‘teito
abbrancòu dall’emoscion,
veddo là sotta
in sciö træto de mâ
con e goççe de luxi
che pittettan a colinn-a
a braççetto e due seu:
Nöi e Spotorno.



Luigi Cornetto – Dialetto di Genova


AL BUIO

Seduto
sotto un tetto
afferrato dall’emozione,
vedo là sotto
sul tratto di mare
con le gocce delle luci
che punteggiano la collina
a braccetto le due sorelle:
Noli e Spotorno.

mercoledì 12 dicembre 2018

A CREASSIUN DU MUNDU di Ernesto Angelo Sacco

Sanremo (Im)

U bon Diu, in bèlu giurnu,
dopu avéghe ben pensau
gardènduse d’inturnu,
u mundu u l’ha creau.

E pe’ fa e còuse pe’ ben,
pe’ acuntentà stu chi e stu là,
u l’ha distribüìiu in t’in ren
tüta canta a so buntà.

Lasciü u g’ha messu ina muntagna,
chi in lagu e lì u mà,
là u g’ha fàitu ina campagna,
lagiü, invece, ina sità.

Purtàndu à-a cunclüixiun
i cuntinènti e fina e nassiùi,
sènsa fa da cunfüixiun
u l’è arrivàu fin chì da nui.

E faixèndu l’Italia… pöi,
in tu postu ciü bèlu ch’a viému,
adötandu i… sistemi söi
u fa: “Chì, u ghe sta bèn Sanremu!”



Ernesto Angelo Sacco – Dialetto di Sanremo


LA CREAZIONE DEL MONDO

Il buon Dio, un bel giorno,
dopo averci ben pensato
guardandosi attorno,
ha creato il mondo.

E per fare tutto bene,
per accontentare questo e quello,
ha distribuito in breve tempo
tutta quanta la sua bontà.

Lassù ha posto una montagna,
qui un lago, lì il mare,
là ha messo una campagna,
laggiù, invece, una città.

Portando a conclusione
i continenti e perfino le nazioni,
senza fare alcuna confusione
è arrivato fin qui da noi.

E facendo l’Italia… poi,
nel posto più bello che esiste,
adottando i… suoi sistemi
decide: “Qui, ci sta bene Sanremo!”


martedì 11 dicembre 2018

RA MÆ BELLA MAXIÑA di Gian Giacomo Cavalli

Foto di inizio 900: raccoglitrici di patelle nella Riviera di Ponente


Ra mæ bella Maxiña
quando per passatempo a me martella
dixe che m’assemeggio à unna patella;
mi, che ra veggo rie così sott’oeggio,
«e ti», rispondo, «à un scuoeggio.
ma da ló tròppo desferentiæ:
noì dezunii, e ló sempre accostæ».



Gian Giacomo Cavalli (1636) – Dialetto di Genova
Dalla pagina Facebook di Fiorenzo Toso


LA MIA BELLA MASINA

La mia bella Masina
quando per passatempo mi tormenta
dice che assomiglio a una patella;
io che la vedo ridere di sottecchi,
«e tu», rispondo, «a uno scoglio.
Ma c’è una differenza tra loro e noi:
siamo disuniti, loro sempre attaccati».

lunedì 10 dicembre 2018

FEUGO di Renzo Ferrero


Davanti  a-o  caminetto
aççeiso  e  crepitante
t' ammïo,  magico  feugo!
e  o  continuo ondezzâ  da  sciamma
a  l' ingheugge  i    pensciëi
in  te  'na  mesc-ciûa  de  sensasoìn
che  van    paxe  ä  protesion,
da-o  calore  a  l' allegria.                                                                                   
Ma  poco a poco a tò magia
a  me  stordisce  corpo e mente.

Assorto.....assente,
comme  no  fûse  ciû  de  questo  mondo
preuvo  'na  sensasion  de  veuo,
de  nûllitæ  fixica  e  mentale.

Son  fisso    a  ammiâ  i  bagliori
da    sciamma:
disuguali,  armoniosi, avvolgenti,
sensuali,  spaventosi,  subblimanti.

Solo  'na  voxe,  'n  reciammo
o  n' improvvisa  esploxon  de  zimme
me  riportan  ä  realtæ...

Allôa  fasso  finta  de  ninte,
me  ïso,  te  attisso, 
azzunzo  'n  çeppo
pe  alimentâ  a    magica  sciamma
e  no  lasciâte  asmortâ
comme  s' asmorta  tûtto...



Renzo Ferrero – Dialetto di Genova
Da "Mesc-ciûa de parolle zeneixi" - Raccolta di poesie


FUOCO

Davanti  al  caminetto 
acceso  e  crepitante
ti  guardo  magico  fuoco !
e il  continuo  ondeggiare  della  fiamma 
avvolge  tutti  i  miei  pensieri 
in  una    miscela  di  sensazioni 
che  vanno  dalla  pace  alla  protezione, 
dal  calore  all'allegria.

Ma  poco  a  poco  la  tua  magia 
mi  stordisce  corpo  e  mente.

Assorto...assente...
come  non  fossi  più  di  questo  mondo, 
provo  una  sensazione  di  vuoto, 
di  nullità  fisica  e  mentale.

Sono  fisso    a  guardare  i  bagliori 
della  tua  fiamma: 
disuguali,  armoniosi,  avvolgenti, 
sensuali,  spaventosi,  sublimanti.

Solo  una   voce,  un  richiamo 
o  l' improvvisa  esplosione  di  scintille 
mi  riporta  alla  realtà.

Allora  faccio  finta  di  niente, 
mi  alzo,  ti  attizzo,  
aggiungo  un  ceppo 
per  alimentare  la  tua  magica  fiamma 
e  non  lasciarti  spegnere  
come  si  spegne  tutto....  

domenica 9 dicembre 2018

RISSE di Aldo Bottini


U m’è sempre caru arrampiname a pè
sciü pe’ chela apeesa mürateira,
de bon’ura aa matin o versu seira
e sentì spuncià e risse sut’au pè.

Scarpizà chele prie bèn acaveàe
deré üna l’autra a fà larghi scarin,
tra due burdüre picàe de culumbrin,
dai ciapùi de tante müre cunsümàe.

Au cantun de ciache turnichetu
ina maduneta arregurdà a me fà
done ch’i han pousàu a lensurà
issà, int’u resciouru, i öji au santetu.

Denai aa geixeta, aa sima da muntà,
ina pregheira lèsta, ancù asciamàu,
pöi a me giru e dau co’ du sagrau
l’öju u m’ence da marina u parpelà..



Aldo Bottini – Dialetto di Sanremo


CIOTTOLI

Amo sempre arrampicarmi a piedi
su per quell’erta mulattiera,
di buon’ora al mattino o verso sera
e sentire i ciottoli sotto il piede.

Calpestare quelle pietre ben disposte
una dietro l’altra a far larghi gradoni
tra due bordure squadrate di colombina,
dai ferri di tante mule consumate.

All’angolo di ciascun tornante
un’edicola ricordare mi fà
donne che han posato il carico
alzare, nel riposo, gli occhi all’immagine sacra.

Davanti alla chiesetta, in cima alla salita,
una veloce preghiera, ancora affannato,
poi mi volto e dal fondo del sagrato
mi riempie l’occhio il tremolar del mare.