giovedì 22 febbraio 2018

L'EA BELLO di Luigi Cornetto


L’ea bello
quande te scriveivo
'na lettia
e quande se vedeimo
t'â lezeivo
e ti ti cianzeivi.

L'ea bello
accoegâse sciô pròu
dâse di baxi
sentî o profummo
do spigo
ch'o se mes-ciava
co-o teu
me invexendavo
e me batteiva o cheu.

Veddo da-i veddri
che cieuve
da-e previxoin
aviae dovùo esighe o sô:
chissà donde t'ê.



Luigi Cornetto – Dialetto di Genova


ERA BELLO

Era bello
quando ti scrivevo
una lettera
e quando ci vedevamo
te la leggevo
e tu piangevi.

Era bello
coricarsi sul prato
darci dei bacini
sentire il profumo
della lavanda
che si mischiava
con il tuo,
mi accendevo d’amore
e mi batteva il cuore,
allora eravamo ragazzi.

Vedo dai vetri
che piove
dalle previsioni
avrebbe dovuto esserci il sole:
chissà dove sei.

mercoledì 21 febbraio 2018

PONSÒ di Eugenio Giovando

Ponzò (Sp)

En vièo,
pòghe ca
brüzà dao só
che o tenpo i ha sgarbelà
e scortegà sensa respèto,
amücià
ente’n mandilo de tèra
en sima aa coineta
onde ‘r vento i riva smorsà
come a cæssa dosse de na mæ
e i fa dindonæ
e fòge di castagni…
l’òcio i se spalanca
maavigià
dar verde de ‘sto mæ
e a voze,
come bissa sospiante,
la cora ‘n zü
pe’ i scürtòn
sonando na còrde d’argento
che la ‘nvita a svoæ
enseme a le…
Daa lünte
er bagiæ rabì d’en can
i se mes-cia
ao ciòco dee canpane
de l’antigo santüàio.
A son ‘n ozèo ch’i rondeza
sensa ciü pensei de séndea…
Drento a l’ostaia,
con ‘na chitarra ‘n man,
afògo i me bòchi de ciòngio
en t’en gòto de vin,
de Ponsò*.



Eugenio Giovando – Dialetto di La Spezia


PONZÒ

Un viottolo,
poche case
bruciate dal sole
che il tempo ha scalfito
e scorticato senza rispetto,
ammucchiate
in un fazzoletto di terra
sulla sommità della collina
dove il vento giunge lieve
come la carezza dolce di una madre
e muove appena
le foglie dei castagni…
La pupilla si apre
meravigliata
dal verde di questo mare
e la voce,
come biscia sospirante,
corre giù
per viottoli e scorciatoie
suonando una corda d’argento
che invita a volare
insieme ad essa…
Da lontano
l’abbaiare rabbioso di un cane
si fonde
al rintocco delle campane
dell’antico santuario.
Sono un uccello che si libra nel cielo
senza più pensieri di cenere…
Dentro all’osteria,
con una chitarra in mano,
affogo i miei pensieri di piombo
in un bicchiere di vino,
di Ponzò*.


*Ponzò (Ponsò): paese medioevale posto all’inizio della Val di Vara (Sp) noto per il suo prelibato vino.

martedì 20 febbraio 2018

OGNI MATTIN di Sandro Patrone


Ogni mattin che m’ïso treuvo o sacco
ciù pesante pe-a schenn-a,
e sott’a-i pê pätan ciù leppegoso,
ciù tanto gramma l’äia che respìo
che me vegniéiva coæ d’ëse vigliacco.

Ma comme posso, se m’appenso a—a penn-a
de chi restain to gìo,
de chi resta da solo a spunciâ o cäro
pe-a stradda sott’a l’ægua, sott’a-i troìn?

L’è coscì che m’attreuvo a-o primmo ciæo
co-o sacco in spalla, torna pe cammin.



Sandro Patrone – Dialetto di Genova


OGNI MATTINO

Ogni mattino, quando mi alzo, trovo il mio carico
più pesante per le mie spalle,
sotto i piedi pantano vischioso,
l’aria talmente irrespirabile
che avrei voglia di piantare tutto.

Ma come posso farlo se penso alle pene
di chi rimane nel giro,
di chi resta solo a spingere il carro
lungo la strad, sotto la pioggia e i tuoni?

E’ per questo che mi si vede al primo chiarore
col sacco sulle spalle, nuovamente in cammino.

lunedì 19 febbraio 2018

U CARRÙGIU di Adriana Oxilia


U carrùgiu d’a mei vita
u nu l’è ciü,
avura,
carrùgiu, ma camìn.
I van aviau e vitüre,
i se stirassa fina e sciumbrie d’i regordi.
A mi me ven in mente, però,
e séire d’estae,
paixe,
u bon audù dê ciante
e d’a terra aigà de frescu.
Spurzeva in föra u figu
e u paresceva ina testa despentenà.
Dau purtà giancu mi sciurtiva,
in man l’àmura d’u làite,
ancura caudu,
d’a craveta
e longu stu carrùgiu
cin de bàussi e de püra
versu u Valùn me n’andava,
fin a cà.
A che l’üra, che a lüxe a möire,
arrente ae müraglie,
de ça e delà,
se baixava e cùbie.
Dâ cà d’i veci u baunà d’u can,
insima ae scare
e mi che zirandu a testa ghe dixeva:
«duman, duman!».



Adriana Oxilia – Dialetto di Ventimiglia


IL VICOLO

Il vicolo della mia vita
non è più,
adesso,
vicolo, ma strada.
Corrono le auto,
trascinano con sé anche le ombre dei ricordi.
A me vengono in mente, però,
le sere d’estate, tranquille,
il profumo delle piante
e della terra appena annaffiata.
Sporgeva il fico
e sembrava una testa spettinata.
Dal cancello bianco uscivo,
in mano la bottiglia del latte,
ancora caldo,
della capretta
e lungo questo vicolo
pieno di sassi e di polvere
verso il Vallone me ne andavo,
fino a casa.
A quell’ora, in cui la luce muore,
accanto ai muri,
da un lato e dall’altro,
si baciavano le coppie.
Dalla casa dei vecchi l’abbaiare del cane,
sulle scale
ed io che voltando la testa gli dicevo:

«domani, domani!»

domenica 18 febbraio 2018

COUSE D’AUTRI TÈMPI di Dino Ardoino


L’àutra séira, truvandume a parlà
- aa Famija Sanremasca – cun u Gin
Guglielmi, a l’ho sentiu in marmarin
de bon sepu matüssu regurdà

in luntan episodiu. Lei, pecin,
u l’è andau cun sa nona pe’ acatà
u pan da ina bitéga de furnà
sut’u Rundò, ch’a l’éira de Blengin.

E cun l’istintu de tirà p’aa cà
ecu ch’u aganta lèstu ina grisséta
frügàndura per nun fasse nutà

adritüra drente int’a beréta.
Però so paire u nu se l’ha culà:
prima u ghe l’ha zulàe cun ina gischéta

e pöi dau panaté in zenujun
u l’ha fau mete, a dumandà perdun.



Dino Ardoino – Dialetto di Sanremo


COSE D’ALTRI TEMPI

L’altro ieri, trovandomi a parlare
- alla Famija Sanremasca – con Gino
Guglielmi, ho sentito un marmista
di buon ceppo matuziano ricordare

un lontano episodio. Lui, piccino,
è andato con sua nonna a comprare
il pane da una bottega di fornaio
verso il Rondò, che era di Blengino.

E con l’istinto di ”tirare” per la casa
ecco che afferra lesto un filoncino
frugandolo per non farsi notare

addirittura dentro il berretto.
Però suo padre non l’ha mandata giù:
prima gliele ha suonate con una verghet
e poi dal panettiere in ginocchio
l’ha fatto mettere, a chiedere perdono.

sabato 17 febbraio 2018

ATRÀSSI E PÀN di Mario Saredi


Sti atràssi
ch’i màrcia
a sùn de pumèli,
i a ciànta lì
cànde i vön.
Nu gh’è rastèli,
ne magàgli,
ti i pöi stirassà,
spuncià,
rundelà,
cànde i nu n’han
ciü afà,
i nu vàn
e ti arèsti lì
cu’ e màe in màn.
Mangite
in tòcu de pàn,
aumàncu,
se nu ti hai
àutru da fa,
ti pöi giascià.



Mario Saredi – Dialetto di Camporosso (Im)


ATTREZZI E PANE

Questi attrezzi
che funzionano
premendo bottoni,
la smettono
quando vogliono.
Non ci sono rastrelli,
zappe dentate,
li puoi trascinare,
spingere,
ruzzolare,
quando non ne hanno
più voglia,
non vanno più
e tu resti   
un po’  interdetto,
con le mani in mano,
Mangiati
un pezzo di pane,
almeno,
se non hai
altro da fare,
puoi masticare.

venerdì 16 febbraio 2018

I GIURNI I PASSA di Fiorenzo Toso

Grimaldi (Im)

I giurni i passa
- avù i sun some stanche -
in scià mei pele
sensa mai fermase.

Cianin cianin
ün derré a l’autru i sgurra
versu a sou fin
inte ’n gran cielu vöiu.

Mi inscì cun eli,
a sercà u nome veru
de tütu chelu ch’on cunusciüu.



Fiorenzo Toso – Dialetto di Ventimiglia


I GIORNI PASSANO

I giorni passano
- sono come asine stanche –
sulla mia pelle
senza mai fermarsi.

A poco a poco
scivolano uno dopo l’altro
verso la loro fine
in un gran cielo vuoto.

E io con loro,
cercando il nome vero
di tutto ciò che ho conosciuto.