venerdì 28 aprile 2017

FIRPO E A POEXÌA di Edoardo Firpo


O Firpo o s’ëa innamoòu
da Musa dialettale:
a no l’ëa ‘na rebello
e o gh’à accattòu l’anello.
Son visciùi int’un castello
abbandonòu
in mëzo a-a natùa
ammiando fin ch’o dùa
quarche fiore int’un gòtto,
beati de sentî de stæ
e agre nòtte de cigäe
e i trilli delicæ
di grilli cantadoî
Là, soli lô doì.



Edoardo Firpo – Dialetto di Genova


FIRPO E LA POESIA

Firpo si innamorò
della Musa dialettale:
non era una dappoco
e le comprò l’anello.
Vissero in un castello
abbandonato
in mezzo alla natura
guardando quanto durava
qualche fiore in un bicchiere,
beati di sentire in estate
le aspre note delle cicale
e i trilli delicati
dei grilli canterini…
Là, soli, loro due.

giovedì 27 aprile 2017

GÉNIA E MARININ I SBATE I TAPÉI di Franco D’Imporzano


«Ti hai savüu cous’a inventa a scià Zabéta
sce u to contu?!» - a dumanda Marinin
aa so culéga du Murin,
marmenandu i tapéi sc’i-aa terrasséta-.

«Noma che a riferìru, za u venin
u me munta au servélu: a bazuréta
a sta spantenegandu p’aa Scarpéta
sèrte buixìe ch’i drissa u ciciurin!».

Sentendu lo, nu l’è ch’a care e nasse
a Génia, o ch’a s’aràge, ma a ghe fa:
«Marinin, nu l’è u càixu d’asciamasse

pe’ cuscì poucu. Fin ch’a va a cuntà
noma de musse, ebèn, lascia ch’a fasse,
u brütu u vèn s’a conta a verità!».



Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo


GENIA E MARININ BATTONO I TAPPETI

«Hai saputo cosa inventa la signora Elisabetta
sul tuo conto?!» - domanda Marinin
alla sua collega Genia del Mulino,
sbattendo i tappeti sul terrazzino -.

«Solo al riferirlo, giò il veleno
mi sale al cervello: la strega-pettegola
sta spargendo per la Scarpetta
certe bugie che raddrizzano  i capelli!»

Sentendo ciò, lei non si scompone
davanti a Genia, né si arrabbia, ma le dice:
«Marinin, non te la prendere

per così poco. Finché va raccontando
soltanto delle balle, ebbene, lascia che faccia,
il brutto viene se racconta la verità!».

mercoledì 26 aprile 2017

LAVASTRÙN D'AVRÌ di Elio Maccario


Stasèira, d'in ca,
dopu tanta sciütìna,
sentu a riana ruijà!

Amòrciu a televisiùn...

Me pa che arìve
in prufümu: de fén!

Respiru; e sentu che lasciü',
se fasce apése, de scöju,
i revive
e dopu tantu u se sciala u terén.

Sci. 

Vöju indröve i vèdri, sacranùn.
Lascièime fà!
E stanöte, tireròn föra ina crüvèrta de ciü'.



Elio Maccario - Dialetto di Soldano


ACQUAZZONE D'APRILE

Stasera, da dentro casa mia,
dopo così lunga siccità,
sento il ruscello gorgogliare...

Spengo la TV...

Mi pare che arrivi
un profumo: di fieno.

Respiro; e sento che lassù,
queste fasce ripide, marnose,
rivivono
E dopo tanto, si soddisfa il terreno.

Sì.
Voglio aprire le mie finestre; accidenti.
Lasciatemi fare!
e stanotte, prenderò dall'armadio una coperta in più.

martedì 25 aprile 2017

U PARTIGIÀN di Emilia Ramò


Ti andaixeivi pe' autüre e rivasci 
scùrsu cume ina lévre dau nemigu, 
tra castagnéi e pin, de cursa i pasci, 
cun u sparmu da libertà, amigu. 
T'han destanàu, incadenàu i brasci, 
guardàu ti éiri cume in gran perigu. 
Triste arregordu di vérdi agni mei. 
Sei s-ciopi i te gardàiva. Sei!


Sce a camiuneta ti éiri e ben gàrdau, 
cande mi a t'ho incuntràu e, desuverìu, 
cun a man ti m'hai apena salüàu 
e au giru daa strada alù ti sei sparìu. 
Forsci véixin o luntàn i t'han purtàu 
e per sempre da nui ti sei partìu. 
Cumpagnu de zuventü e giöghi mei. 
Forsci, sei s-ciopi i t'han puntàu. Sei! 


Chissà se a furestéira o nostra tèrra 
cuvértu a l'a u to' corpu crivelàu, 
o, forsci, sfinìu da sta vile ghèrra 
in t'in furnu cunsuntu ti hai brüxàu. 
U l'è méju pensate casüu a tèrra 
cun u cö ch’u te sciurìva, imbalinàu, 
e sténtu u criu de libertà, amigu mei,
da sei s-ciopi ch'i t'amassaiva. Sei!



EMILIA RAMO' (1915 – 2015) – Dialetto di Sanremo
Poesia premiata al IV Concorso di Poesia dialettale sanremasca, 1987

IL PARTIGIANO

Andavi per alture e ripe, 
rincorso come una lepre dal nemico, 
tra castagneti e pini, di corsa i passi, 
spasimando la libertà, amico. 
T'hanno stanato, incatenate le braccia, 
guardato eri come un gran pericolo. 
Accorato ricordo dei verdi anni miei. 
Sei fucili ti vigilavano. Sei!


Eri sulla camionetta e ben guardato, 
quando ti ho incontrato e, avvilito, 
mi hai fatto con la mano un cenno di saluto 
e al giro della strada allora sei sparito. 
Forse vicino o lontano ti han portato 
e per sempre da noi tu sei partito. 
Compagno di gioventù e dei giochi miei. 
Forse, sei fucili ti han puntato. Sei! 


Chissà se straniera o nostra terra 
coperto ha il tuo corpo crivellato, 
o, forse, sfinito da questa vile guerra, 
in un forno consunto ti han bruciato. 
E' meglio pensarti caduto a terra 
col cuore che ti sfioriva, impallinato, 
e spento il grido di libertà, amico mio,
da sei fucili che t'ammazzavano. Sei! 

lunedì 24 aprile 2017

U ÇERCELU di Roberto Rovelli


Cavàndu ina fàscia cu’u màgagliu,
Bacì u se  sente scciupàu d’â fatiga:
schina céga, struscià dau travàgliu,
franéla unta, inaixà de süù,
ögli stanchi, anegiài dau cařù.
Ansciàndu, u s’arremba a in maixé,
çercàndu in cantùn de sciumbria
pe’ assustàsse, in stissìn, dau sù
ch’u ghe brüxa a pele arsaglià.

Passa in figliö, scurrendu in çercelu:
cavégli süài, desberì dau véntu,
ögli asbigli, pigliài dau mumentu.
Strépàndu cu’in sghigiu a pàixe d’inturnu,
u rumpe, burdélusu, u silençiu d’u giurnu.
U çercelu u gira, u sàuta, u barlucia,
pussàu pe’ u senté int’ina cursa spedìa,
adesciàndu regòrdi adurmì int’a memòria.

Cu’in mézu faturisu ascàixi genàu,
Bacì u s’arregòrda d’in tempu luntàn,
d’in’autra vita, scurdà int’u passàu,
d’in autru figliö, scurrendu in çercelu.
Sciügànduse a fàcia int’in mandrìgliu de péssa,
u l’ascunde ina làgrima paresciüa d’aciatùn.
Cu’in sciau penùsu, u l’aissa u màgagliu,
sentendu u brüxù d’ê vescighe scciupàe
e d’i cali ch’i gh’inciaga e parme d’ê mae.
U stregne i denti… u l’è turna in figliö
cu’i cavégli süài, desberì dau véntu,
ch’u sghige burdélusu, scurrendu in çercelu …
int’in’ürtima cursa… ancù pe’ in mumentu…
 


Roberto Rovelli – Dialetto de La Mortola
I classificato al Concorso “Bellissimi Versi” 2012 dal tema “Travàiu e fatiga – trèsti, demu(r)e e zöghi” – Dolcedo


IL CERCHIO (giocattolo)

Dissodando col tridente un ripiano coltivato,
Bacì si sente spossato dalla fatica:
schiena curva, sfinita dal lavoro,
flanella unta, inzuppata di sudore,
occhi stanchi, avvizziti dal calore.
Ansimando, s’appoggia ad un muro a secco,
cercando un angolo d’ombra
per ripararsi, un pochino, dal sole
che gli brucia la pelle screpolata.

Passa un ragazzo, rincorrendo un cerchio:
capelli sudati, arruffati dal vento,
occhi vispi, accattivati dal momemto.
Strappando con uno strillo la pace attorno,
rompe, chiassoso, il silenzio del giorno.
Il cerchio gira, salta, barcolla,
spinto per il sentiero in una corsa veloce,
destando ricordi addormentati nella memoria.

Con un mezzo sorriso quasi trepidante,
Bacì si ricorda di un tempo lontano,
di un’altra vita, dimenticata nel passato,
di un altro ragazzo, rincorrendo un cerchio.
Asciugandosi il viso in un fazzoletto di pezza,
nasconde una lacrima apparsa furtivamente.
Con un sospiro penoso, solleva il tridente,
sentendo il bruciore delle vesciche scoppiate
e dei calli che gli piagano i palmi delle mani.
Stringe i denti… è di nuovo un ragazzo
con i capelli sudati, arruffati dal vento,
che  strilla chiassoso, rincorrendo un cerchio …
in un’ultima corsa… ancora per un momento…
  

domenica 23 aprile 2017

A FEIRA DU PAPÉ di Dino Ardoino


Cous’u vö dì a manìa de l’istrüssiun!
Mi, se int’in libru o drente d’in giurnale
a lezu in scriitu ch’u me fa impresciun
perché u me pà bèn fàitu e uriginale,

a m’u u metu a camin. Sta me pasciun,
che forsci a l’è in po’ föra du nurmale,
a l’ho da sempre e a me dà l’ucaixun
- cun in’infarinatüra generale –

de avé ina strana spécie de cultüra
in po’ in sce tütu (ma che cunfüxun!)
che a vote a me fa fà bèla figüra

metèndu in lüüxe sèrte cugnissiun,
ma che assai ciü de spessu a me prucüra
u modu de infirà càiche sgarrun.

E a va dighèndu intantu me’ mujé
che in cà nostra u gh’è a féira du papé.



Dino Ardoino – Dialetto di Sanremo


LA FIERA DELLA CARTA

Cosa vuol dire la mania dell’istruzione!
Io, se in un libro o dentro d’un giornale
leggo uno scritto che mi fa impressione
perché mi sembra ben fatto e originale,

me lo metto da parte. Questa passione,
che forse è un poco fuori del normale,
la ho da sempre e mi dà l’occasione
- con un’infarinatura generale –

di avere una strana specie di cultura
un po’ su tutto (ma che confusione!)
che a volte mi fa far bella figura

mettendo in luce certe cognizioni,
ma che assai più spesso mi procura
il modo di infilare qualche svarione.

E va dicendo intanto mia moglie
che in casa nostra c’è la fiera della carta.

sabato 22 aprile 2017

DÌTU di Mario Saredi


Hon apéna dìtu
de nu dì’ ciü rèn
ma sùn tùrna chì
cu’u làpisse in màn.
Dìgu d’ìna giurnà 
che angùscia a fa.
Nìvuru,
vèntu,
tachegià
e sciurtì,
ün maraghèstu
cùme mì,
l’è mègliu de nà.
Alù,
bàrrite in cà,
a stüa a tràmba,
tébeu gh’è già.
Avùra hon dìtu,
 a firmu
e me métu
tùrna a parlà.



Mario Saredi – Dialetto di Camporosso


DETTO

Ho appena detto
di non dire più nulla
ma sono di nuovo qui
con la penna in mano.
Dico di una giornata
angosciante.
E’nuvolo,
vento,
pioviggina
e uscire,
un villano
come me,
è meglio di no.
Allora,
chiuditi in casa,
la stufa è accesa,
c’è già tiepido.
Adesso ho detto,
la firmo
e mi metto
di nuovo a parlare.