martedì 16 ottobre 2018

MEZÙE di Sandro Patrone


Co-e man in sciö volante, l’euggio attento,
cöro in sce l’autostradda a çento a l’öa:
e penso a tutti i metri
che me lascio de cöa.
E no gh’è solo quelli.
Sei metri o l’è quell’èrbo,
quaranta a collinetta, duî ‘na vacca,
quello campo de gran ciù de duxento
e quæxi sei pe quattro ‘na baracca
cö téito rosso e i dreappi stéizi a- sô.

St’abitudine crùa
de voéi dâ ‘na mezùa
a tutte e cöse belle che gh’è in gìo
a me rende nervoso e infastidìo.
Ma chì me ven in cheu
che in to parlâ con lê poche öe primma
a m’ha dîto: T’aspëto questa seja.
E me sento contento de riflette
che l’amô
mezùe o no n’ammette.



Sandro Patrone – Dialetto di Genova


MISURE

Con le mani sul volante, l’occhio attento,
corro sull’autostrada a cento all’ora;
e penso a tutti i metri
che mi lascio addietro.
E non ci sono solo quelli.
Sei metri quell’albero,
quaranta la collinetta, due una mucca,
quel campo di grano più di duecento
e quasi sei per quattro una baracca
col tetto rosso e i panni stesi al sole.

Questa cruda abitudine
di quantificare
tutte le cose belle che mi circondano
mi rende nervoso e tediato.
Allora ripenso che,
parlando con lei poche ore or sono,
mi ha detto: Questa sera ti attendo.
E mi ritrovo lieto rammentando
che l’amore
non ammette misure.

lunedì 15 ottobre 2018

IN SCÈ ZENUGGE di Antonello Rivano


Cùntime ancun ‘na fua,
de quélle che ti sè sulu ti.
Famme xüò in scê òìe du drogu, 
in serca de segréti trezói.
Intantu che a parpagiöa
a lórze inturnu au lümme.
Intantu ch’ê umbre in sciâ miògia
dizégnan cóse che véddu sulu mi.
Tégnime ancun in scê tó zenugge,
anche se so ch’ u l’è sulu in sögnu.
Tégnime ancun in po’ cun ti,
àua che sun turnàu in po’ figiö.



Antonello Rivano – Dialetto genovese tabarchino


SULLE GINOCCHIA

Raccontami ancora una favola
di quelle che conosci solo te.
Fammi volare sulle ali del drago, 
in cerca di segreti tesori.
Intanto che la falena
gira attorno al lume.
Intanto che le ombre sul muro
disegnano cose che vedo solo io.
Tienimi ancora sulle tue ginocchia
anche se so che è solo un sogno.
Tienimi ancora un po’ con te,
ora che sono tornato un po’ bambino

domenica 14 ottobre 2018

CAFÈ CURÈTU di Aldo Bottini


Antò u Bagiu u l’éira ancùra fantin
scibèn che u fusse za sciacarélu,
cun poucu fì int’u so lümiscélu
da desgöjà int’e boce e int’u vin.

In zuventüra, següru, ascì élu,
inte custi d’arbüssaru e stecadò
de remes-ci u n’aixeva fau in bèlu po’
e i ghe zunzunava ancù int’u servélu,

ma de mariasse l’inveza, però,
cum’ina négia sutira e sbiadìa
a s’éira asmursà cun surve ina prìa.
Bèlu veju u s’è messu, pensai in po’,

a limunà cun chela vidua stantìa
che Giacumina i ghe diixe, da Fuuxe,
e za u curreva de strane vuuxe
du caru bonagnima sce-a dipartìa.

Sensa anastà a futüra so’ cruuxe,
e drüe credènse i cumènsa a lucià,
da bon lecaù u se lascia tirà
cume int’a testa u gh’avesse de nuuxe.

U pensa au giasciu, u se cava u fudà,
gnènte ciü püra, nun ciü da fa netu!
E, sensa prève, ciü caudu u l’è u letu!
Cum’in pivèlu u se l’ha dunca marià…

U s’ha da pentì avura u vejetu:
a gh’ha dau ina cupéta de negru cafè
curètu au töscegu ciü forte ch’u gh’è
e ancù prù ch’u l’è föra du letu.

Nècu nècu u capisce avù cum’a l’è
che Petrù i a ciama Giacumineta.



Aldo Bottini – Dialetto di Sanremo


CAFFÈ CORRETTO

Antonio il Rospo era ancora celibe
sebbene che fosse già attempato,
con poco filo nel suo gomitolo
da dipanare nelle bocce e nel vino.

In gioventù, sicuro, anche lui,
in mezzo a cespugli di corbezzolo e lavanda
di tramestii ne aveva fatti un bel po’
e gli ronzavano ancora nel cervello,

ma la voglia di sposarsi, però,
sottile come un’ostia e sbiadita
si era spenta con una pietra sopra.
Benché vecchio s’è messo, pensate,

a “flirtare” con quella vedova stantia
chiamata Giacomina della Foce,
e già correvano strane voci
sulla dipartita del caro buonanima.

Senza fiutare la futura sua croce,
le rigide credenze cominciano a vacillare,
da buon ghiottone si lascia attrarre
come se in testa ci avesse le noci.

Pensa all’appetito, si toglie idealmente il grembiule,
niente polvere da levare, non più pulizie!
E, anche senza “préte”, più caldo sarà il letto!
Come un pivellino dunque se l’è sposata…

Ma s’ha da pentire ora il vecchietto:
gli ha dato una tazza di caffè nero
corretto col veleno più potente che c’è
e va già bene che è fuori del letto.

Triste e malinconico ora capisce come mai
Petronilla la chiamano Giacominetta (Mantide religiosa).

sabato 13 ottobre 2018

SE DÌXE di Mario Saredi


Sùrdu cùme ina campàna.
Cùm’a  l’è,
a campàna
a t’insurdìsce
ma ch’a scìe sùrda,
chi l’è che pö dì.
u se dìxe de gènte,
de vòute,
u te làscia in po’ lì.
Cùme mì,
che a tre ùre de matìn,
sùn chì
a dumandà,
cùme mài se dìxe cuscì.
Tütti i rùnfa
o i l’assòna,
chi ti vöi,
ch’i me dìghe
de nà o de scì.
Se dìxe,
bonanötte
a tü e a mì .



Mario Saredi - Dialetto di Camporosso


SI DICE

Sordo come una campana.
Come mai,
la campana
ti assorda
ma che sia sorda,
chi lo può dire.
Il si dice della gente,
alle volte,
ti lascia un po’ incerto.
Come me,
che alle tre del mattino,
son qui
a chiiedere,
come mai si dice così.
Tutti russano
o sognano,
chi vuoi,
che mi dica
di no o di si.
Si dice,
buonanotte
a te e a me.

venerdì 12 ottobre 2018

FÖ(R)A STAGIÙN di Tommaso Lupi


St’ autunnu l’ò sentiu
cantō u cüccu e i crī
d’ina rundu(r)ina strapersa
ch’a conta i giurni in s’in fī,
u merlu rocca u nu stà ciü in
s-a ture antiga di Cavalie(r)i,
dund’u sa(r)à u rececé
ažežibau da ‘stu freidu?,
a maciotta a nu l’à ciü faitu
u gniu int’a fenēa de Celè,
a miū ina balle(r)ina ch’a
pitta da-e mae de Lina
e mi ascì a me pà d’esse
fö(r)a postu e fö(r)a stagiun.



Tommaso Lupi – Dialetto di Dolcedo


FUORI STAGIONE

Quest’autunno ho sentito
cantare il cuculo e le strida
di una rondine sperduta
che conta i giorni su un filo,
il passero solitario non abita più
la torre antica dei Cavalieri,
dove sarà lo scricciolo
intirizzito da ‘sto freddo?,
la civetta non ha più fatto
il nido nel fienile di Celè,
guardo una ballerina che
becca dalle mani di Lina
e anche a me pare di essere
fuori posto e fuori stagione.

giovedì 11 ottobre 2018

CIEUVE (I) di Luigi Cornetto

Genova - Vico della Casana

Cieuve in Campetto
a Luccui
a-a Casann-a
cieuve in Sozeia
a-i Fraveghi
in Banchi
in te tutta a nostra bella
Çittæ Antiga.

Al’è l’ægua ch’a bagna
ch’a l’intra sens’ëse invitâ
cö seu stampo de pätan
lasciandote in man
‘na magnä de bratta.



Luigi Cornetto – Dialetto di Genova

PIOVE

Piove in Campetto
a Luccoli
alla Casana
piove in Soziglia
agli Orefici
in Banchi
in tutta la nostra bella
Città Antica.

E’ acqua che bagna
che entra senza essere invitata
col suo stampo di pantano
lasciandoti in mano
una manciata di fango.

mercoledì 10 ottobre 2018

SULITÜDINE di Josè Saccani


In tu cübu da nöite, in silensiu u t’abrässa,
ti senti u bäte du tuu cöö,
l’ansciää du tuu respiru.
A mente a se vöia, e i sogni impuscibili i s’avèra,
ciän, ciän u tuu corpu vöiu u se ne vä,
e tü ti vöri in tu vöiu ciü marcau.
All’impuvisu, in runsää u te dèscìa,
ina zanzära, l’ünica da stänsia
a s’apogia sciuu bräsu,
a süssa u tuu sänghe nu ti sai ciü suru.



José Saccani – Dialetto di Dolceacqua


SOLITUDINE

Nel buio della notte, il silenzio ti abbraccia,
senti il battito del cuore,
l’ansare del respiro.
La mente si svuota,
sogni impossibili si avverano,
voli nel buio più assoluto.
All’improvviso, un ronzìo ti sveglia,
una zanzara, l’unica nella stanza,
s’appoggia sul braccio
e sugge il sangue.
Non sei più solo.