giovedì 22 giugno 2017

DASSE GARÌU di Franco D’Imporzano


(Telefunata faita in sognu e che bèlu sognu!)

«Pruntu, bacàn?... Bongiurnu, scüsai tantu,
d’in gran maùn a me vöju alegerì;
ina cousa impurtante e ürgente ascì…
Grassie, mi a stagu bèn, nu digu cantu,

ma ancùra méju a starò pöi, pé intantu
vui sercài de nu fame perde u fì:
a ve deciàru, o fiu d’una trulì,
che, in data udierna, dau meschin recantu

du vostru scagnu a scapu d’abrivun.
A nun ve vierò ciü, brütessu. Adìu,
salüaime i rüfiai da diressiun!

Cume?... Maròutu?... Andai a cagà! Finìu
calvariu, ciantu, asciàmu, ümiliassiun,
a sentu d’ésse ancöi bèlu garìu!».



Franco D'Imporzano - Dialetto di Sanremo


DARSI GUARITO

«Pronto, principale?... Buongiorno, scuasate tanto,
mi voglio alleggerire di un grosso peso;
si tratta di cosa importante e urgente…
Grazie, io sto bene, non vi dico quanto,

ma ancora meglio starò dopo, per ora
cercate di non farmi perdere il filo:
vi dichiaro, o figlio di bagascia,
che, in data odierna, dal meschino buco

del vostro ufficio scappo di corsa.
Non vi vedrò più, fetente! Addio,
salutatemi i ruffiani della direzione!

Come dite?... Malato io?... Ma andate a cagare! Finito
il calvario, il pianto, l’ansietà, l’umiliazione,
sento di essere oggi del tutto guarito!».

mercoledì 21 giugno 2017

CUNCERTU di Dionisio Bono


Üna, pöi l’autra, e ciape d’ina scara
i dan l’afìu, de nöte, da a caudüra,
pele ch’a brüxa a prima zuventüra
ch’a lascia u stampu a maniman ch’a cara.

Nasciüe dau scüru, face sença döte,
i me s’acosta inamurae a turnu,
caicüna ghe dareva man de giurnu,
caicüna abrassereva sulu a a nöte.

E canta i grili, u bassu u fa e çigare
pe’ marcà u tempu, in tempu sença sosta,
u tempu d’in amù che ascauda e scare.



Dionisio Bono – Dialetto di Ventimiglia


CONCERTO

Una, poi l’altra, le lastre di una scala
danno tregua, di notte, alla calura,
pelle che infiamma la prima gioventù
che lascia l’impronta man mano che scende.

Nate dal buio, facce senza dote,
innamorate s’accostano a turno,
a qualcuna darei mano di giorno,
qualche altra abbraccerei solo di notte.

Cantano i grilli, al basso le cicale
segnano il tempo, un tempo senza sosta,
tempo d’amore che scalda le scale.

martedì 20 giugno 2017

O ÇERCATÖ D’ÖU di Franco De Barbieri


Me pâ, quande me spëgio in ti tò euggi,
d’ese accucciòu in-sce-a riva de ‘n gran sciûmme
a çerne magnæ d’ænn-a drento a ‘n siasso,
segùo de poei troväghe ‘na paggetta.

E mentre l’ægua, lenta,
all’accaezza a liggia,
veddo luxî in to siasso
unn-a scaggetta d’öu,
e n’âtra, e n’âtra ancon,

e preuvo ‘na grandiscima emosciòn,
e tutto l’entuxiasmo de ‘n figgieu,
perché ho trovòu o filon
ch’o m’aggiuttiâ a scrovî
tutti i tesòi, ascosi in-to tò cheu.



Franco De Barbieri – Dialetto di Genova


IL CERCATORE D’ORO

A me pare, quando mi specchio nei tuoi occhi,
d’essere sulla riva di un grande fiume
a cernere manciate di sabbia in uno staccio,
certo poi di trovarvi una pagliuzza.

E mentre l’acqua, lenta,
accarezza il dirupo,
luccica nel setaccio una scaglietta d’oro,
e un’altra, e un’altra ancora,

e provo una grandissima emozione,
e tutto l’entusiasmo di un ragazzo,
perché ho trovato il filone
che m’aiuterà a scoprire
tutti i tesori nascosti nel tuo cuore.

lunedì 19 giugno 2017

A MARGUNAIRA* di Erminia Luciano


Cose i gh’an fau â nostra Margunaira
che a vegu li, triste e ciacrinà,
tegnüa strenta dau mö ch’u a liga â riva,
cume in veciu barcun abandunau,
cume in can ligau a ina caena,
cume ina vecia che a se reze au sou bastun…?

Mi nu u cunusciu ciü u veciu scögliu,
duve d’estae andàvimu a zügà:
ghe muntàvimu surva  e i ciü bravi
dâ çima i ciumbava a testa in zü;
ghe ziràvimu inturnu pe’ mirà
i pesci d’argentu e pe’ piglià e patele.

Ma prima d’arrivaghe
duvévimu passà dâ Schina d’Ase*,
u scögliu veixin â riva, au fì d’e unde,
duve andàvimu tüti pe’ imparà a nüà,
tra schersi e zöghi e tanta alegria.
- Ti tochi… nu ti tochi… forsa
date in pussun che ti sei arrivau…! –
E se gh’eira besögnu ti trövavi
sempre ina man ch’a te tirava sciü.
E ti imparavi a nüà sensa savé cume!

Sulu alura ti sfidavi a Margunaira
che a l’eira ancù libera e circundà dae unde.
Arrivaghe a l’eira in’avenutüra; invece
ancöi ti gh’arrivi a pe’!
U nu l’è ciü u meiximu u nostru veciu scögliu,
amigu de a nostra zuventü.
Perché i l’an vusciüu ligà â riva?
Perché i gh’an roubau a sou libertà?



Erminia Luciano – Dialetto di Ventimiglia


LA MARGUNAIRA*

Cosa hanno fatto alla nostra Margunaira
che la vedo lì, triste e addolorata,
tenuta stretta dal molo che la lega alla riva,
come un vecchio barcone abbandonato,
come un cane legato alla catena,
come una vecchia che si regge al suo bastone…?

Io non conosco più il vecchio scoglio,
dove d’estate andavamo a giocare:
ci salivamo sopra e i più bravi
dalla cima si tuffavano a testa in giù;
gli giravamo attorno per guardare
i pesci d’argento e per prendere le patelle.

Ma prima di arrivarci
dovevamo passare dalla Schiena d’Asino*,
lo scoglio vicino alla riva, a filo delle onde,
dove andavamo tutti per imparare a nuotare,
tra scherzi, giochi e tanta allegria.
- Tocchi… non tocchi… forza…
datti una spinta che sei arrivato…! –
E se c’era bisogno trovavi
sempre una mano che ti tirava su.
E imparavi a nuotare senza sapere come!

Solo allora sfidavi la Margunaira
che era ancora libera e circondata dalle onde.
Arrivarci era un’avventura: invece
oggi ci arrivi a piedi!
Non è più lo stesso il nostro vecchio scoglio,
amico della nostra giovinezza.
Perché hanno voluto legarlo alla riva?
Perché gli hanno rubato la sua libertà?

*Nome di antico scoglio ventimigliese

domenica 18 giugno 2017

SANTA “BACICINA” di Dino Ardoino


Cume ina bèta andèndu de bulìna
a se ciavìra – essèndu ch’a nu l’ha
a chija per purességhe apugià
cande u vèntu int’a véra u s’incaina –

cuscì a garsuna ch’a nu l’è frenà
daa màire ch’a ghe daghe a “bacicina”
se a l’ha tendènsa za da sgarzelina
daa propia bona strada a scarrucià,

alù a va mà percouse pöi vivèndu
ela int’in mundu cen de tentassiun
e de ciàpure – reesu ciü tremèndu

dau perìgu da droga – u l’ha raixun
in növu dìitu: chelu che, faghèndu
a in dìitu veju in po’ de variassiun,

u insegna che se a màire a l’è pietùusa
a fia – pürtropu – a crescerà vissiùusa.



Dino Ardoino – Dialetto di Sanremo


SANTA PUNIZIONE

Come una barchetta andando di bolina
si capovolge essendo che non ha
la chiglia per potervisi appoggiare
quando il vento nella vela si accanisce –

così la ragazza che non è frenata
dalla madre che le dia la punizione
se ha tendenza già da giovanetta
dalla propria buona strada a dirottare,

allora va male perché poi vivendo
ella in un mondo pieno di tentazioni
e di trappole – reso più tremendo

dal pericolo della droga – ha ragione
un nuovo adagio: quello che, facendo
a un detto vecchio un po’ di variazioni,

insegna che se la madre è pietosa
la figlia, purtroppo, crescerà viziosa.

sabato 17 giugno 2017

DÌTU (2) di Mario Saredi


E dòpu
avé sentìu dì’
“che ràgliu d’àse,
in sciü u nu và”,
testàrdu ciü d’ìn mü,
sèghitu a vuxà,
següru ciü che mài,
che in dì,
stàncu de sentì
o pe’ pietà,
caicün,
a pòrta
u l’indröverà
e aiscì mì,
pureròn intrà
e in sciü,
andà.


Mario Saredi – Dialetto di Camporosso


DETTO

E dopo
aver sentito dire
“che ràglio d’asino,
in ciel non sale”,
testardo più d’un mulo,
continuo a gridare,
sicuro come il sole,
che un giorno,
stanco di sentirmi,
o per pietà,
qualcuno,
di sicuro,
la porta
aprirà
ed anch’io
potrò entrare
ed in su,
andare.

venerdì 16 giugno 2017

SE O CÄDO di Orietta Orsi


Se o cädo ch'o tormenta
o fæsse dimagrî
sajeiva ben contenta
e m'ô preghieiva ascì
ma se bocchezza e gronda,
no s'ha quæ de mangiâ
ma mì resto rionda
'che a bansa a n'eu calâ.



Orietta Orsi – Dialetto di Genova


SE IL CALDO

Se il caldo che tormenta
facesse dimagrire
sarei ben contenta
e me lo pregherei anche
ma si boccheggia e si gronda (di sudore),
non si ha voglia di mangiare
ma io resto rotonda
ché la bilancia non vuole scendere.

giovedì 15 giugno 2017

L’ANONIMU (ciü tanardu de cuscì!) di Franco D’Imporzano


«Puré cuncurre a in premiu leterariu
puscibile nun l’è cun sti verséti
d’ünze sìlabe e in rima. P’uu rimariu
nu gh’è ciü simpatia. Tüti i pueti

d’ancöi i mustra in enorme campiunariu
de versci sensa son, avù lunghéti,
avù cürti, d’in stile assai urdinariu…
Mi, dignitùusu, in fundu ai méi suneti

méte a mé vera firma a nu m’asbasciu,
cuscì de vote a me ciamu Cuxìn
du Fosculu, autre Frai du Tasciu.

Séira matin a n’ho sfurnau ina barca
pé pöi mandàri a in cuncursu a Türin
e a l’ho firmai U névu du Petrarca!»



Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo


L’ANONIMO (più stupido di così!)

«Poter concorrere ad un premio letterario
non mi è possibile con dei versetti
endecasillabi in rima. Per il rimario
non c’è più simpatia. Tutti i poeti

di oggi sciorinano un enorme campionario
di versi senza suono, ora lughi,
ora corti, di uno stile assai ordinario…
Io, dignitoso, in fondo ai miei sonetti

a mettere la mia firma non mi abbasso,
così a volte mi chiamo Cugino
del Foscolo, altre volte Fratello del Tasso.

Ieri mattina ne ho sfornato in gran quantità
per poi mandarli ad un concorso a Torino
e li ho firmati Il nipote del Petrarca!»

mercoledì 14 giugno 2017

I SARVAGENTI SGONFI di Laila Cresta


Ti, te nûei in co i sarvagenti sgonfi
Mi, te dixeia de caciâli via.
O mâ du gorfo splendeja de luxe
e i bagnanti i criæju comme oxelli.
Ciù a o largo, di puntinn-i gianchi
l’ean de ochëte che se bançigheju
in sce onde carme de quëla estæ.
Poi, da lontan, ti t’æ visto arrivâ to poæ.
Ancon e ochëte se bançigheju a o sô,
ancon i gaggen i crieju pe l’aia:
ti, piccin, ti nûei in co e brasse nue
andando da to moæ a to poæ.



Laila Cresta - Dialetto di Sestri Levante


I SALVAGENTI SGONFI

Tu nuotavi coi salvagenti sgonfi
io ti dicevo di buttarli via
Il mare del golfo splendeva di luce
e i “bagnanti” gridavan come uccelli.
Più al largo, dei puntini bianchi
eran ochette che si dondolavano
sulle onde calme di quella estate.
Poi, da lontano, hai visto arrivar papà.
Ancor le ochette dondolavano al sole,
ancora i gabbiani gridavan nell’aria:
tu, piccino, nuotavi a braccia nude
andando da tua mamma a tuo papà.

martedì 13 giugno 2017

ELA di Pia Viale



Ela,
a l’ha incumensau u so camin
chissà candu.

Ela,
a l’ha sufertu, viagiau,
sercau chissà cantu.

Ela,
a vuxìa liberasse
e liberà u so cantu.

Ela,
a nu puxìa acuntentasse
d’in sulu recantu.

Ela,
a l’ha inscuntrau in belu giurnu
u so incantu.

Ela,
a l’è sciurìa e int’a cuntentessa
a s’è scurdà u ciantu.



Pia Viale – Dialetto di Vallebona


LEI 

Lei,
ha iniziato il suo cammino
chissà quando.

Lei,
ha sofferto, viaggiato,
cercato chissà quanto.

Lei,
voleva liberare se stessa
ed il suo canto.

Lei,
non poteva accontentarsi
di una parte soltanto.

Lei,
ha incontrato un bel giorno
il suo incanto.

Lei,
è fiorita e nella gioia
ha dimenticato il pianto.

lunedì 12 giugno 2017

A CANDÀCA di Mario Armando


Sensa vœia de fa rèn
me sèntu acandàcau
d'imù negru, ciütostu sfidüciau.
E nu so mancu perché,
forsce i saran e magagne de l'età
cuscì contru vœia, sciortu d'in cà.
A giurnà a nu me piaije
pensai in po', gh'è in bèlu sùu
ma se aiscì i aujeli i canta
nu me vèn u bonimù.
Acàtu u giurnale, rèn m'interessa
e u sfœiu, in po' lì, in po' là
alantura sèru i œi e sèntu burdelà.
Crìi de maire, racumandassiui
giœghi e ciànti de fiœreti
sèntu vegnì da i giardineti.
Ma son delongu acandàcau ...
e garda in po' se se pœ
me pìa in gran corpu au cœ.
M'aparisce ina zuveneta
ch'a passa in bricicheta
bèn arènte aa banchina
alura a ciamu: Angerina!
A sparisce int'ina nivura de luje
Angerina, a maire de me fìu...
èira assetau e me son assuneghìu.
Ina fretà ai œi, cegu u giurnale
m'aissu, vagu a cà nu tantu aviau
e me paresce d'èsse ciü de prima
ancùra acandàcau.



Mario Armando – Dialetto di Bordighera


L’INDOLENZA

Senza voglia di far niente
mi sento indolente
di umore nero, piuttosto sfiduciato.
E non so neanche il perché,
forse saranno le magagne dell’età
così controvoglia, esco di casa.
La giornata non mi piace
pensate un po’, c’è un bel sole
ma anche se gli uccelli cantano
non mi viene il buon umore.
Compro il giornale, nulla mi interessa
e lo sfoglio, un po’ qui, un po’ là,
allora chiudo gli occhi e sento dei rumori.
Grida di madri, raccomandazioni
Giochi e piantidi bambini
Sento venire dai giardini.
Ma sono sempre indolente…
e guarda un po’ se si può
mi prende un gran colpo al cuore.
Mi appare una giovinetta
che passa in bicicletta
ben vicina alla panchina
allora la chiamo: Angelina!
Sparisce in una nuvola di luce
Angelina, la madre di mio figlio…
ero seduto e mi sono appisolato.
Una strofinata agli occhi, piego il giornale
mi alzo, vado a casa non tanto presto
e mi sembra di essere più di prima
ancora indolente.