giovedì 27 luglio 2017

U VIEGIU DE L’OMU di Franco D’Imporzano


U s’arrecampa au trenu. I viagiatùi
i ghe dan chi in spunciun, chi ina peà,
intramènte élu u sérca in sc’ii vagùi
in postu pé purésse sistemà.

Penscéri, asciàmi, despiaixéi, magui,
i t’uu cumnesa préstu a nurigà:
scöra… surdatu… amù… méte sciü cà…
famìa… travàju… soudi… autri durùi…

marutìe… veciàja… Penscerùusu
nu gòude a vita ch’a se descurchìa
inturnu a léi. Apéna u po’, cüriùusu,

dau barcunétu a dà in’ujà u s’infia…
ma propriu alura u trenu, burelùusu
u éntra int’u scüru d’ina galeria…



Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo


IL VIAGGIO DELL’UOMO

Arriva trafelato in stazione. I viaggiatori
lo spingono, qualcuno lo scalcia,
nel frattempo egli cerca tra i vagoni
un posto per potersi sistemare.

Pensieri, affanni, dispiaceri, magoni,
comincia ad inghiottirne:
scuola… militare… amore… mettere su casa…
famiglia… lavoro… denaro… altri dolori…

malattie… vecchiaia… Pensieroso
non si gode neanche quello spicchio di vita
che si dipana intorno a lui. Appena può, curioso,

dal finestrino decide di dare un’occhiata…
ma proprio in quel momento il treno, rumorosamente
entra nel buio di una galleria…

mercoledì 26 luglio 2017

SONETTO DECIMO QUARTO di Gaetano Gallino


Ma in quello tempo atro che barbagioeu, 
furia de cannonæ da San Michê: 
unna priva da testa un bon corrê, 
l'atra d'un anca un povero figgioeu. 

Ma ro garzon intrepido de coeu 
dixe à un compagno: T'æ poi da per lê 
de Strada Balbi dentro ro quartê 
va in galisòppo, e da lì à un poco o moeu. 

Corsa ra moere à ro sò pegno mòrto 
a cianze sì, ma cianze a non vorræ 
per non fâ à ra sò patria questo tòrto. 

E se a savesse, credo che a diræ: 
Figgio, aora sì che t'ê ro mæ confòrto, 
perchè ti moeuri per ra libertæ.




Gaetano Gallino (sec. XVIII) – Dialetto di Genova


SONETTO DECIMO QUARTO

Ma a quei tempi altro che chiacchiere!
furia di cannonate da San Michele.
Una decapita un buon corriere
l'altra strappa un'anca a un povero ragazzo

Ma egli, con cuore intrepido,
dice a un compagno: Tieni, poi da solo
nella zona di Balbi
va zoppicando e da lì a poco muore.

La madre accorsa dal suo caro morto 
piange sì, ma piangere non vorrebbe
per non fare un torto alla sua patria.

E, se fosse capace, credo che direbbe: 
Figlio, ora sì che sei il mio conforto,
perché muori per la libertà. 

martedì 25 luglio 2017

A CANTERETA D'U GHIRINDÙN di Mario Armando


N’on messu a bretiu lì drente
a deijene, a çentenai e ciü.
Vui dirèi de loche. Sulu sogni
sogni de garsun, de zuvenotu.
Pœi cu i ani sa càntera
nu l’on ciü aduverà.
In giurnu vagu int’a sufita
vegu u ghirindùn duve gh’è
i mèi sogni d’ina vota.
Prœvu a tirà a cantereta, sforsu
rèn da fa, a l’è serà.
Ghe vœ a ciaveta adata, çercu
nu a trœvu ciü.
Sareva bèlu ancù rivieme
i sogni d’un tempu andau
che a su menüu tiretu
speransusu avevu afidau.
Me armu d’in martelu
pruntu a scciapà u ghirindùn
aìssu u brassu, ma me fermu.
On temànsa d’andà incontru
a ina brüta delüsiun.



Mario Armando - Dialetto di Bordighera
Poesia che ha partecipato al XXX Premio di Poesia Dialettale Intemelia "U Giacuré" - 2017  


IL CASSETTINO DEL COMODINO

Ne ho messo a volontà lì dentro
a decine, a centinaia e più.
Voi direte che cosa. Solo sogni
sogni di ragazzo, di giovanotto.
Poi con gli anni quel cassetto
non l’ho più adoperato.
Un giorno vado in soffitta
vedo il comodino dove ci sono
i miei sogni di una volta.
Provo a tirare il cassettino, sforzo
niente da fare, è chiuso.
Ci vuole la chiavetta apposita, cerco
non la trovo più.
Sarebbe bello ancora rivedermi
i sogni del tempo andato
che a questo piccolo cassetto
speranzoso avevo affidato.
Mi armo di un martello
pronto a spaccare il comodino
alzo il braccio, ma mi fermo.
Temo di andare incontro
ad una brutta delusione.

lunedì 24 luglio 2017

L’AEGUA ATA di Edoardo Firpo


“O mignin morto l’ò cacciòu in mà
vixin a-o ciaeo de lunn-a;
l’ò visto destaccase a poco a poco,
mettise in viaggio verso l’aegua ata.
Povou mignin, me s’astrenzeiva o chèu;
posou in sce un fianco o pàiva un cavallin
de legno pe-i figgèu...
in gio se gh’aççendeiva de stellette 
che de continuo ne luxiva o mà…
poi
l’ò lasciòu solo a navegà in ta nèutte...”



Edoardo Firpo – Dialetto di Genova


L’ACQUA ALTA

“L’ho cacciato in mare il micino morto
vicino al chiaro di luna;
l’ho visto allontanarsi poco a poco,
mettersi in viaggio verso l’alto mare.
Povero micino, mi si stringeva il cuore;
adagiato sul fianco sembrava un cavallino
di legno per bambini…
sbrilluccicava tutt’intorno al punto
che senza sosta risplendeva il mare…
poi
l’ho lasciato navigare in solitudine nella notte…”

domenica 23 luglio 2017

GIACUMIN di Dino Ardoino


A incontru Giacumin, fiu de Richéta,
e ascaixi a nu u cunusciu ciü. Ma garda
che scangiamèntu! U l’éira in belinéta
cua mentalità gréza e tanarda

du pegurà caràu giü daa Pichéta.
E u me suvèn ch’u üsava ina bastarda
parlata ch’ai grezümi da Scarpéta
a mes-ciava rescuri de lumbarda

còcina ereditài dau paire: avura
u l’è scicuusu cume in figürin.
Stu növu grifu u u deve aa so’ “scignura”

che - za cumissa drent’a in mazaghin
de via Palassu – a nu l’ha vistu l’ura
de diventà padruna. E Giacumin

lüstràu e asbìu paréscu a in babaròtu
u fa u cascé setàu sce u caregotu.



Dino Ardoino – Dialetto di Sanremo


GIACOMINO

Incontro Giacomino, figlio di Enrichetta,
e quasi non lo riconosco più. Ma guarda
che cambiamento! Era un buono a nulla
duro di scorza e con l’aria zotica

del pecoraio sceso giù dalla Pichetta.
E mi sovviene che usava una bastarda
parlata che agli improperi della Scarpetta
mescolava i residui d’una lombarda

cadenza ereditati dal padre: adesso
è raffinato come un figurino.
Questo nuovo volto lo deve alla sua “signora”

che – gia commessa dentro a un magazzeno
di via Palazzo – non ha visto l’ora
di diventarne padrona. E Giacomino

lustrato e agile come un maggiolino
fa il cassiere seduto sul cadreghino.

sabato 22 luglio 2017

CÙITA di Mario Saredi


Caminèndu spedìu
da nu vé màncu e prìe
e nu sèntì spìne e ruvèi
ch’i rüsa cu’e bràghe.
Ciàche pàssu
rundèla
sùrdu,
àu mèi laumentà
d’i burdèli,
d’e spüsse
e fatìghe.
A muntà
in po’ a sciàrma
a me càrma
e l’asbrìvu
u se mésccia
àu sciüscià
ch’i se rüsa
ma i se dàn màn
fìna dòpu u cianèlu
e in t’à garà.
E’ fenìu l’aviàu,
cùme a muntà
e a garà,
ma gh’è  ancù
caicün
ch’u và…



Mario Saredi – Dialetto di Camporosso


FRETTA

Cammino veloce
da non vedere neppure le pietre
e non sentire le spine dei rovi
che strappano i pantaloni.
Ogni passo
rotola
sordo,
il mio lamento
ai rumori,
agli odori
e fatiche.
La salita
l’ entusiasmo
mi calma
e l’abbrivio
si unisce 
al soffiare
che litigano
ma si danno mano
fino dopo il pianoro
e nella discesa.
E’ finita la fretta,
come la salita
e il pendio,
ma c’è ancora
qualcuno
che và…. 

venerdì 21 luglio 2017

E PROFEÇÎE DE SÀNTA BRÌGIDA di Vito Elio Petrucci

Genova - Truogoli di Santa Brigida

Meschìn chi ghe saiâ
quànde aomentiâ o pàn co-a sâ
quànde no se faiâ ciù carlevâ
quànde comandiâ chi no sa
e òbediâ chi no dêve
quànde di pòrteghi ne faiàn bitêghe
quànde i òmmi portiàn a crésta cómme i gàlli
quànde-e caròsse caminiàn sénsa cavàlli
e se poriâ xoâ cómme i öxélli
quànde e dònne portiàn e brâghe cómme i òmmi
quànde di Sànti no se portiâ ciù i nómmi.
Meschinétti tùtti quélli che restiàn
a vîve i ténpi sénsa önô né géna.
I pelegrìn pasàndo d'ine Ciàppe diàn:
«'Na vòtta lazù gh'êa Zêna».



Vito Elio Petrucci – Dialetto di Genova


LE PROFEZIE DI SANTA BRIGIDA

Poverino chi ci sarà
quando aumenterà il pane con il sale
quando non si farà più carnevale
quando comanderà chi non sa
e obbedirà chi non deve
quando dei portici ne faranno botteghe
quando gli uomini porteranno la cresta come i galli
quando le carrozze cammineranno senza cavalli
e si potrà volare come gli uccelli
quando le donne indosseranno i pantaloni come gli uomini
quando dei Santi non si porteranno più i nomi.
Poverini tutti quelli che resteranno
a vivere i tempi senza onore né timore.
I pellegrini passando d’ine Ciappe diranno:
“Una volta laggiù c’era Genova”.

giovedì 20 luglio 2017

CHI VÖ ACAPÌRA U L’ACAPISCE… di Franco D’Imporzano


Ina nöte che, sensa ispirassiun,
a pasci a mesüravu a méa sità,
cun Carlandrìa a sun staitu a ratelà
in ciassa du Mercàu, sut’in lampiun.

A te g’ho ditu: «Andrìa, che menestrun!
Pecàu che nu ti posci mai carà
dau basamentu per vegnì a crià
contra sti sitadin d’impurtassiun…».

«Sejéi menu eguisti e ciü sinceri»,
u m’ha rispostu sécu, «E int’n cantun
bütài gramìssie, ciàiti e presünsiun.

Nun ciü parole: fàiti, fàiti veri,
ché ciü salòpi de serti impurtai
i sun i sanremaschi rinegai!».



Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo
Scritta nel 1979


CHI VUOLE CAPIRLA LA CAPISCE…

Una notte, senza ispirazione,
percorrevo la mia città in lungo e in largo,
per litigare poi con col monumento del sindaco Siro Andrea Carli
in piazza del Mercato (piazza Eroi Sanremesi), sotto un lampione.

Gli ho detto: «Andrea, che minestrone di gente!
Peccato tu non possa mai scendere
dal basamento per venire in città
a protestare contro tutti i cittadini di importazione…»

«Siate meno egoisti e più sinceri»,
mi ha risposto seccamente, «E in un angolo
buttate cattiverie, pettegolezzi e la presunzione.

Non più parole: fatti, fatti veri,
ricordatevi che più lazzaroni dei cosiddetti importati
sono i sanremaschi che rinnegano la loro città!».

mercoledì 19 luglio 2017

I ZENÉIXI E O MÂ di Aldo Acquarone

Il Porto di Genova

Zenéixi! O mâ o l'à dæto a-i nòstri poæ
glòria, poténsa, tràfeghi e palànche!
Séi fìggi de armatoî e de mainæ,
fæ in mòddo che a pasción a no ve mànche!
Stæghe vixin, vivéighe, navegæ
crovîlo tùtto de grén véie giànche
e ricordæve bén che in pâxe ò in goæra
chi l'é padrón do mâ... comanda in tæra!



Aldo Acquarone – Dialetto di Genova


I GENOVESI E IL MARE

Genovesi! Il mare ha dato ai nostri padri
gloria, potenza, commerci e denaro!
Siete figli di armatori e di marinai,
fate in modo che la passione non vi manchi!
Stateci vicino, viveteci, navigate
copritelo tutto di gran vele bianche
e ricordatevi bene che in pace  o in guerr
chi è padrone del mare… comanda in terra!


martedì 18 luglio 2017

OUDÙ DE FUGASSA di Raffaella Martini

Raffaella Martini con la nonna

In tocu dé süca capusà
cu u cutelu, cianin cianin,
risu pouchétù, d’oriu in bèlu rugliu
catru o sinche ové, ina sevula,
furmagiu ina bela manà
poi sé bénédiscé tütü
cu ina bèla présa dé sà.
Cué maé suta u méntun
asetà a in lau du tourin,
tè gardava abasurà,
mentre ti faijevi l’ouréijin.
Canté viagi mé ghé sun apruà
sensa arescighè!
E tu ti me dijévi dussé:
“figlia, nu t’aciacrinà,
candu ti sérai grandé
ti virai u t’arescirà!”
Cünà da chelu bon oudù,
mi aspéitava,
aspéitava sensa savè
che végnì grandé vuréa dì
nu purétè ciù asciairì.
Nu m’abrétiava che a vita a m’avéréa
purtau da a logni, è nu avéréa puscìu
staté véijin, tüti i dì, come avéréa vuscìu.
Aù t’ei cui ciù tanti, l’è vèra,
ma sun segurà che se viremu ancù
è ascì se seron cangià
per cunuscimé te ghé vurérà noma in’uglià.
Ente li mèntrì
tutè è vouté ché da fugassa sentiron l’oudù
sèron turna in figliò
énsémè a tü.



Raffaella Martini – Dialetto di Ceriana


PROFUMO DI “FUGASSA”

Un pezzo di zucca tagliuzzata
con il coltello, pian pianino,
riso pochino, olio in abbondanza,
quattro o cinque uova, una cipolla,
formaggio una bella manciata
poi si benedice tutto
con una bella presa di sale.
Con le mani sotto il mento
seduta ad un lato del tavolo
ti guardavo stregata
mentre ripiegavi il bordo della sfoglia.
Quante volte c’ho provato
senza riuscirci!
E tu mi dicevi dolcemente
“figlia, non essere dispiaciuta,
quando sarai grande
vedrai che ci riuscirai!”
Cullata da quel profumo
io aspettavo.
Aspettavo senza sapere
che diventare grande avrebbe significato
non vederti più.
Non mi immaginavo che la vita mi avrebbe
portato lontano e non avrei potuto
starti vicino ogni giorno come avrei voluto.
Adesso sei tra i più tanti, è vero,
ma sono sicura che ci rivedremo ancora
e anche se sarò cambiata
per riconoscermi ti basterà un’occhiata.
Nel frattempo,
ogni volta che della fugassa sentirò il profumo
tornerò di nuovo bambina
insieme a te.

lunedì 17 luglio 2017

FIRPO E A POEXIA di Mimmo Guelfi


O Firpo o s’ëa innamoòu
da Musa dialettale:
a no l’ëa ‘na rebello
e o gh’à accattòu l’anello.
Son visciùi int’un castello
abbandonòu
in mëzo a-a natùa
quarche fiore int’un gòtto,
beati de sentî de stæ
e agre nòtte de çigäe
e i trilli delicæ
di grilli cantadoî…
Là, soli, lô doì.



Mimmo Guelfi – Dialetto di Genova


FIRPO E LA POESIA

Firpo si innamorò
della Musa dialettale:
non era una dappoco
e le comprò l’anello.
Vissero in castello
abbandonato
in mezzo alla natura
guardando quanto durava
qualche fiore in un bicchiere,
beati di sentire in estate
le aspre note delle cicale
e i trilli delicati
dei grilli canterini…
Là, soli, loro due.