mercoledì 20 settembre 2017

TRAMONTO di Sandro Patrone


O sô, che là da-i monti o l’è chinòu,
o mette o röbin reuza a ‘na nüviëta:
‘n’ätra, ciù bassa sùvia o Porto, a l’è
zà grixa e ciatta.

Mì sospìo
un saluto, un addio,
a questa mæ giornâ ch’a va in to muggio
insemme a tutte e ätre,

che me spuncian cianin verso o tramonto.



Sandro Patrone – Dialetto di Genova


TRAMONTO

Il sole, declinante al di là dei monti,
mette in gonnella rosa una nuvoletta:
un’altra, più bassa sopra il Porto,
rimane grigia e piatta.

Sussurro
un saluto, un addio,
a questo mio giorno che si finisce nel mucchio
insieme agli altri,

che, piano piano, mi sospingono verso il tramonto.

martedì 19 settembre 2017

E FARFÀLE DE RÈSSU di Dante Zirio

Lavina, l'alluvione

Aiga, aiga, aiga stramesürà
a a fin de nuvèmbre passàu
a Rèssu da u cielu a l’ è carà
e màscime Lavina, in ta valada,
a l’ è staita ben ben scuncascià
da rumènta, bausi, pàutu, èrburi
carài da l’ autu in ta giàra chela nöiturà.
A gente de lì a l’ è stà curpia
de repetenùn da sta gran calamità,
a memoria d’ omu mai capità,
e u burgu intrégu u s’ è armàu
de curàgiu e bona vuluntà
tantu ciü restàu föra da u mundu
pe’ parei dì dae scùnsce e a tèrra franà.
Dapöi, cian cianinétu, i paisai
e màneghe i se sun duvüi issà,
a gajardiixe di ressàschi alantù a s’ è mustrà
de omi, done, zùeni e vej da cumünità
e a vita, dimu nurmàle, de sti cristiài
a s’ è pusciüa ripià.
A a prima a natüra amiga a s’ è resvejà
in faturiisu sci e lèrfe desuverìe u gh’ è zà
pe’ sti sciti e orti a verdüra a s’ è ciantà
de farfàle, a l’inturnu,
u l’ è tütu in festùusu svuratà!

(In cicin de speransa de soudi u ghe sarà?)



Dante Zirio - Dialetto di Ospedaletti
Poesia che ha partecipato a U Giacuré 2017


LE FARFALLE DI REZZO

Acqua, acqua, acqua smisurata
alla fine di novembre passato
a Rezzo dal cielo è scesa
e specie Lavina, nella vallata
è stata ben ben sconquassata
da immondizia, pietre, fango, alberi
scesi dall’alto nella giara quella nottata.
La gente del posto è stata colpita
all’improvviso da ‘sta grande calamità,
a memoria d’uomo mai capitata,
e il borgo intero s’è armato
di coraggio e buona volontà
tanto più rimasto fuori dal mondo
per parecchi giorni dai scoscendimenti e la terra franata.
Dopo, pian pianino i paesani
la maniche si sono dovuti alzare,
la fortezza dei rezzaschi si è mostrata
di uomini, donne, giovani e vecchi della comunità
e la vita, diciamo normale, di questi cristiani
si è potuta riprendere.
Alla primavera la natura amica si è risvegliata
un sorriso sulle labbra avvilite c’è già
per questi angoli e orti la verdura si è piantata
di farfalle all’intorno
è tutto un festoso svolazzare!

(Un minimo di speranza di soldi ci sarà?)

lunedì 18 settembre 2017

UNNA STÖIA FINÏA di Angelo De Ferrari


Aspëto
into queto retaggio do tempo
che o ræ scilensio
o me ciamme

vegniva e seiann-e
à fâne caladda d’in gïo,
a stradda d’antighi lastroin
a regallava lampioin
indiscreti
che o sô di teu euggi o ammortava.

‘Na bixa de aïa scontenta
a tenta
de fâme scordâ
unna çerta giornâ

o sarmaxo
de un ùrtimo baxo,
a man streita a-a mæ
che a bruxava…

Aspëto
inte l’aïa abbrensoïa
de repassâ
unna stöia finïa.



Angelo De Ferrari – Dialetto di Genova


UNA STORIA FINITA

Aspetto
nel quieto ritagli del tempo
che il rado silenzio
mi chiami

venivano le serate
a fare chiassi intorno a noi,
la strada di antiche lastre
regalava lampioni
indiscreti
che il sole dei tuoi occhi spegneva.

Un filo d’aria scontento
tenta
di farmi dimenticare
una certa giornata

il salmastro
di un ultimo bacio,
la mano stretta alla mia,
che bruciava…

Aspetto
nell’aria intirizzita
di ripassare
una storia finita.


domenica 17 settembre 2017

SASSIU D’AGNI di Dino Ardoino


Sassiu d’agni – a sun surve a l’ötanténa -
a me gardu da in sgarbu d’aciatun
cume spia de mi stessu: de fassun
ch’u me pà de vié ina messa in scena

dund’a fassu a cumparsa. E l’impresciun
ch’a prövu a l’è che sta longa cadena
de giurni – càiche sciala, càiche pena -
a staghe pe’ desfasse. Cuscì a sun

sèmpre in sce u bötu, pruntu per partì,
però lasciandu chì ste me’ scritüre
dund’a gh’ho messu ina parte de mi.

A u so, forsci de chele i seran scüre,
descòmude da leze e da capì,
ma in cunscïènsa mi a stimu che brutüre

fàite cun cativéria a nu ne lasciu
perché de marrìe còuse a nu me pàsciu.



Dino Ardoino – Dialetto di Sanremo


SAZIO DI ANNI

Sazio di anni – sono sopra l’ottantina -
mi guardo da un buco di nascosto
come spia di me stesso: di modo
che mi sembra di vedere una messa in scena

dove faccio la comparsa. E l’impressione
che provo è che questa lunga catena
di giorni – qualche gioia, qualche pena -
stia per disfarsi. Così sono

sempre allerta, pronto per partire,
però lasciando qui questi miei scritti
dove ho messo una parte di me.

Lo so, forse alcuni saranno oscuri,
scomodi da leggere e da capire,
ma in coscienza io credo che brutture

fatte con cattiveria non ne lascio
perché di cose malvagie non mi diletto.

sabato 16 settembre 2017

NÌVURE NÖVE di Mario Saredi


Nìvure nu ghe n’è,
nu se ne vé;
o chi dòrme,
o ch’ì fàn l’amù.
Cànde i dòrme
i nu se vén,
i l’han a camìxa
curù d’a nöte
e cànde i fàn l’amù,
i s’aciàta
pe’ nu fàsse vé.
Me l’ha dìtu
üna pisciùsa,
fèndu ina ramà.
Nìvure,
nìvure d’ancöi,
növe,
sènsa tàche.



Mario Saredi – Dialetto di Camporosso


NUVOLE NUOVE

Nuvole non ce ne sono,
non se ne vedono,
o che dormono,
oppure fanno l’amore.
Quando dormono
non si vedono,
indossano la camicia
color notte
e quando fanno l’amore,
si nascondono
per non farsi vedere.
Me lo ha detto
una pisciosa
durante uno scroscio.
Nuvole,
nuvole d’oggi,
nuove,
senza gocce.

venerdì 15 settembre 2017

CIASSA di Marco Cassini

Apricale - A Ciassa

U castèl, a geixa, l’uratœriu, l’ustaria.
Si scarei ch’i m’àn cresciu.
Baline, piatin, ai-pecai, bal-au-can, volete-un-fiore, cerceli, cian-cià-pin, strambacüèle;
cutrun!

A sun en’a ciassa.
Ana a va au pan, Censin deu Laite a travagliar.
Serviu deu Cigarèl sute l’archettu de Maninun,
Jolanda āa posta a pigliar a pensciun,
i se cugliuńān, ma suru una stissa.
U sur u l’encumensa a scaudar, è mi a me scialu.
Ün fie d’aria u munta d’en l’übagu.
Teresa a l’embre e girurzie,
Üna nivura gianca a passa derer Perińaudu,
Rita dea Picinina a cara d’en e Cousińaighe
cun üna lensurà en sce a tèstè,
“a l’è a matińà c’a fa a giurnà”.
En cumüńa u par ch’i rürzen.
U sona megiudì.
I figliœi i sciorten dāa scœŕa.
U l’aruva üna cubia de tedeschi,
ela a l’à ün petitu pecin atacau a ün tetin,
i s’assètèn a ün tourin, i cumandan dui capucin.
De cussi a megiura u toca ai belutisti.

A me ne vagu a cà.
S’a nu fusse ün pelandrun a ghe pureria scrive üna casun.



Marco Cassini - Dialetto di Apricale
Poesia che ha partecipato a "U Giacuré" 2017


PIAZZA

Il castello, la chiesa, l’oratorio, l’osteria.
Questi gradoni di pietra che mi hanno cresciuto.
Biglie, gare con i tappi di bottiglia e altri giochi dell’infanzia… capriole ecc… soprattutto la palla-pugno lì nel vicolo).

Sono in piazza.
Anna va a comprare il pane, Vincenzo a lavorare
Silvio sotto l’arco di Maninone
Jolanda alla posta a ritirare la pensione.
Si prendono in giro ma soltanto un poco
Il sole incomincia a riscaldare e io me lo godo
Un filo d’aria fresca sale dal versante ombroso.
Teresa spalanca le persiane
Una nuvola bianca passa dietro Perinaldo
Rita scende da Via San Bartolomeo con un fascio d’erba in testa,
“Il mattino ha l’oro in bocca”
Nel palazzo comunale sembra che litighino,
Il campanile suona mezzogiorno
I bambini escono da scuola
Arriva una coppia di Tedeschi
lei ha un neonato attaccato al seno
si siedono a un tavolo ordinano due cappuccini.
Fra mezz’ora toccherà ai giocatori di carte (belota).

Io me ne vado a casa.
Se non fossi così pelandrone ci potrei scrivere una canzone.

giovedì 14 settembre 2017

A SCIGÖGNA A VA IN PENSCIUN di Franco D’Imporzano


A g’ha diitu a Scigögna a so cuixin
u Ligüsticu Cignu: «A nu sun scema,
a végu ch’u t’acrésce u presümin
percouse préstu i te méte pé emblema

da Regiun. Cumprimenti, o furtünin.
Mi, au cuntrariu, marvista dau sistema,
a éntru in quiescenza propiu stamatin
sensa ràgia e magun, cun grande flema.

Ti véi? Sta dròla, straca umanità
l’è infastidìa noma daa mé presensa:
pìlure e abordi i m’han emarginà;

percouse ancöi, int’u regnu da viulensa
a morte a desbaràtu a vèn smercià
e l’omu aa vita… nu ghe dà ciü üdiensa».



Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo


LA CICOGNA VA IN PENSIONE

La Cicogna ha detto a suo cugino
il Cigno Ligustico: «Non sono mica scema,
vedo che cominci a darti delle arie
perché presto ti ritrarranno quale emblema

della Regione. Complimenti, hai avuto fortuna.
Io, al contrario, malvista dall’attuale sistema di vita,
vado in pensione proprio questa mattina
senza rabbia né magone, con grande flemma.

Vedi? Questa bizzarra e stanca umanità
è infastidita dalla mia sola presenza:
pillole e aborti mi hanno emarginata;

perché oggi, nel regno della violenza
la morte viene smerciata a buon prezzo
e l’uomo alla vita… non ha più tempo di dare ascolto».

mercoledì 13 settembre 2017

DOMANDA FINALE di Mimmo Guelfi



Ma vive da savio
sensa fâ ‘n po’ o matto
no l’é comme mangiâ
sempre de fatto?



Mimmo Guelfi – Dialetto di Genova


DOMANDA FINALE

Ma vivere da saggio
senza fare un po’ il matto
non è come mangiare
sempre senza sale?

martedì 12 settembre 2017

LUNTAI REGORDI di Giuseppina Mastroieni


Ina garsunéta cu’ u sestin in sce a testa a canta
Cu’ a vuxe a son de ventu e cane i scibrava d’aveixin a garsunéta
A pochi passi a s-ciümàira a brundurava cu’ e sue aighe ciàire
Se vegava e prie duve anghile e pesci i giügava tra de eli
L’éira giurnà de bügà  i gagiai i vörava bassi
Fin a tucà l’aiga prunti pe’ pià da mangià
U lögu da garsuna l’éira ina grossa pria gianca pe’ fa a bügà
Int’e pecine mae ghe stava u savun
A batìa e roube e a e caciava inte l’aiga
Tra cansui e u schersà cu’ e amighe
Risaglie cuntentessa e u cö legiu e pecin
Se scialava u so corpu cu’ i pei inte l’aiga ciaira
Ciàciare ciàciare e u tempu u vörava
Ninte l’éira fatiga e tantu öriu de gùmeu
Regordi d’in passau de longu
I autri i l’an scurdau ma a pecina nu
Regordi beli e u tempu u l’è vörau
A pecina…



Giuseppina Mastroieni – Dialetto di Camporosso
I Classificata al XXX Premio di Poesia Dialettale Intemelia “U Giacuré” 2017 con la seguente motivazione:
Come in un quadro impressionista, l’autrice dipinge una bambina di molto tempo fa, che si avvia al fiume con in testa la cesta dei panni da lavare: canta, in sintonia al fruscio provocato dal vento sulle canne. In una forma completamente libera, le descrizioni riempiono a pennellate leggere il quadro, in cui svariati elementi si fondono dando vita alla scena completa in tutte le sue parti. Colori, suoni, gesti, movimenti, risate, giochi: il tutto fluisce con levità e dolcezza riportando infine l’attenzione sulla bambina protagonista di quel ricordo, sulla bambina che l’autrice stessa fu.


LONTANI RICORDI

Una giovinetta con la cesta sul capo canta, va oltre il sentiero di canne
Oscillano a suon di vento una nenia accompagnava la bambina
A pochi passi vi stava il fiume gorgogliavano limpide acque
Rispecchiava pietre dove pesci e anguille giocavano tra loro
Era giorno di bucato i gabbiani volavano bassi
Fino a toccare l’acqua pronti per mangiare
La meta per la bambina era un immenso sasso bianco per il bucato
Tra le piccole mani vi stava il sapone
Batteva il tessuto e lo intingeva nell’acqua
Tra canzoni e schermaglie il tempo volava
Risate felicità e un cuore puro
Godeva il suo corpo con i piedi nelle limpide acque
Parole parole e il tempo volava
Nulla era fatica tanto olio di gomito
Ricordi di un’era ormai passata
Dimenticata per altri ma non per la piccola
Ricordi belli di un tempo
La bambina…

lunedì 11 settembre 2017

ELISA di Sandro Patrone


Alla mia nipotina 

Scibbén ghe segge in casa tanta gente
quande mi arrivo verso mëzogiorno
çerco solo i tò euggi:
ti m’ammìi
comme chi ven da-o ninte de ‘na porta
avèrta sùvia un mondo sconosciuo.

Ti no sæ dove son quande son via
lontan da tì
e appenn-a ti me veddi
l’è comme un cuccu-sette: e ti me rìi.

Lascïæ mille miliardi, se i avesse,
per questo incontro, Elisa.



Sandro Patrone – Dialetto di Genova


ELISA

Sebben ci siano in casa tante persone,
quando, verso mezzogiorno, arrivo io,
cerco solo i tuoi occhi:
mi guardi
come se io venissi dal nulla di una porta
aperta su un mondo a te ignoto.

Tu non sai dove io sono quando mi trovo
lontano da te
e appena mi vedi
è come se giocassimo a cuccu-sette: e mi sorridi.

Lascerei mille miliardi, se li avessi,
per questo incontro, Elisa.

domenica 10 settembre 2017

CHI U A FA… di Dino Ardoino


U l’éira in tipu strambu e bontempun
ch’u amava fà di schersci de sta mena:
fintu aragnu int’u gotu e ascì in muscun
verdu e peruusu. U aixexa, alù bèla cena,

ina buata de vèrmi de cutun
ch’u infirava int’u pan dürante a sena
au risturante opüre, d’aciatun,
int’a xata du veixin. E cun che amena

risata u replicava ai ressautùi
che i cumpagni de tòura i se piava
cand’i scruviva sèrti marlavùi!

E ina vipera u aixeva, ch’u a frügava,
finta, int’u letu ai soci caciaùi
dopu e batüe. Ma aa fin i gh’han dàitu a biava:

drent’au sachétu unde u a cüstudiva
i ghe n’han messu in’autra, però viva!



Dino Ardoino – Dialetto di Sanremo


CHI LA FA…

Era un tipo strambo e buontempone
che amava fare scherzi di questa sorta:
finto ragno nel bicchiere e anche un moscone
verde e peloso. Aveva, allora bella piena,

una scatola di vermi di cotone
che infilava nel pane durante la cena
al ristorante oppure, di nascosto,
nel piatto del vicino. E con che amena

risata replicava agli spaventi
che i compagni di tavolo si prendevano
quando scoprivano certi dispetti!

E una vipera aveva, che frugava,
 finta, nel letto ai soci cacciatori
dopo le battute. Ma alla fine gliel’hanno fatta:

dentro al sacchetto in cui la custodiva
ce ne hanno messo un’altra, però viva!